Scafati. Il miracolo: “Mio figlio è stato graziato dalla Madonna dei Bagni”

Scafati. “Mio figlio è stato graziato dalla Madonna dei Bagni”. E’ certa di aver ricevuto una grazia la signora Carmela Trapani, mamma del piccolo Mathias

Carmela Trapani e il piccolo Matihas
Carmela Trapani e il piccolo Matihas

Scafati. Il miracolo: “Mio figlio è stato graziato dalla Madonna dei Bagni”.

“Mio figlio è stato graziato dalla Madonna dei Bagni”. E’ certa di aver ricevuto una grazia la signora Carmela Trapani, mamma del piccolo Mathias, di soli 2 anni. Una manifestazione cutanea di difficile risoluzione, andata via dopo una visita alla storica Fonte miracolosa adiacente il settecentesco santuario. Un misto tra sacro e profano, del resto sono almeno tre secoli che la fonte miracolosa raccoglie testimonianze di fedeli investiti da guarigioni ritenute miracolose. Laddove non può la scienza, arriva la fede.

Il fatto.

E’ lo scorso mese di ottobre, quando Carmela Trapani, paganese, rileva sugli arti del piccolo Mathias delle macchie rosse. Il bambino di soli due anni è nato già con delle difficoltà, e quelle macchie improvvise gli provocano dolore e consistenti difficoltà nella deambulazione. “Non potevo neanche sfiorarlo che urlava dal dolore, non riusciva neanche a stare nel girello, dove solitamente passava il tempo” spiega la mamma. E’ un giovedì di ottobre, visto il palese disagio, la famiglia si reca all’ospedale Umberto I° di Nocera Inferiore. “Gli viene diagnostica una Porpora – ricorda Carmela – e i medici, date le condizioni e il naturale decorso della patologia, dopo una settimana di ricovero dimettono mio figlio”. Il bambino però non migliora, anzi, le macchie cutanee si estendono e il dolore rende impossibile anche toccarlo.

La diagnosi.

“I medici ci dissero che nel migliore dei casi la situazione sarebbe migliorata entro un paio di mesi. Alternative non ce n’erano” aggiunge la mamma. Poi la decisione: la fonte miracolosa. l’antico Fosso “Dei Bagni” è noto proprio per le miracolose guarigioni di patologie cutanee che fin dal 1600 hanno accresciuto la devozione verso la Vergine, a cui è dedicato sia il Santuario che la fonte. “Mio figlio è stato dimesso il giovedì. Il sabato mattina, accompagnata da mia mamma, decido di portare Mathias a Bagni – ricorda Carmela – quando l’acqua scorre sulle sue gambe, piuttosto che piangere, mio figlio non solo è sereno, ma ride”. Già dal pomeriggio le macchie cominciano a dissolversi, due giorni dopo il nulla, e Mathias riprende a giocare e camminare.

Per grazia ricevuta.

“E’ stata una grazia, ne sono fortemente convinta” ripete emozionata mamma Carmela. Appena l’emergenza Covid lo permetterà, Mathias farà ritorno, con la famiglia, al Santuario. Gli ultimi anni sono testimoni di altre guarigioni di patologie della cute, dall’imprenditore ai bambini, sono tanti i casi di guarigioni improvvise e inaspettate avvenute nelle miracolose acque della fonte.

Adriano Falanga