Avis Sarno: solidarietà e vita. Crescono i volontari

Donazione sangue ed emergenza covid: aumentati i volontari a Sarno.

L’Avis sempre più centro di solidarietà e vita. Tanti i giovani, insieme a traguardi importanti come quelli dei donatori che hanno raggiunto quota 50. Una campagna che ha consentito di introdurre quest’anno anche donazione di plasma e emocomponenti.

A spiegarlo è il presidente, Antonio Robustelli. «Quest’anno è stato particolare per tutti noi – ha sottolineato – L’emergenza covid ci ha visto sin da subito impegnati, oltre che nell’ ambito delle donazioni del sangue, anche nel sociale. Partendo da marzo scorso non ci aspettavamo una risposta così importante, di profondo senso civico e morale da parte di tantissimi donatori, anche nuovi, che nell’ emergenza hanno risposto con tempestività e coraggio al nostro appello.

“Sulla raccolta plasma ci abbiamo sempre creduto ”

Traguardi importanti per l’associazione: il ripristino delle donazioni all’ interno dell’ ospedale, l’avvicinamento di tanti giovani alla donazione del sangue, volontari che hanno raggiunto la cinquantesima donazione. Importante poi, aver introdotto la donazione sia di plasma che di emocomponenti. Sulla raccolta plasma ci abbiamo sempre creduto poiché, oltre a essersi rivelato molto utile per la cura del covid-19, è un salvavita per tantissime patologie. Abbiamo anche istituito 15 borse di studio dedicate ai donatori e alle loro famiglie, un bonus che hanno potuto utilizzare per l’ acquisto di libri e materiale scolastico nei negozi del nostro territorio»