Pompei. La pulizia degli argini del fiume Sarno nell’ambito di un intervento programmato

Proseguono a singhiozzo in questi giorni il lavori di pulizia e manutenzione degli argini del fiume Sarno da parte della ditta operante per conto della Regione Campania. Dovrebbe essere fatta ogni anno la manutenzione degli argini lungo entrambe le rive del fiume Sarno invece, riguardo al tratto sul territorio del Comune di Pompei, i lavori della ditta SMA procedono esclusivamente sul tratto della via Ripuaria (riva sinistra) e non anche sulla via Macello (riva destra). Ultimamente è stato notato che le piante (alcune spontanee altre coltivate) sono state parzialmente potate in un tratto di strada di via Macello che fiancheggia il Centro Commerciale di Pompei e che (dato anche l’intenso traffico) era diventato ultimamente molto pericoloso perché ridotto ad una corsia unica in cui si fronteggiavano contrapposti flussi di traffico. A riguardo abbiamo appreso che è partita la richiesta all’ente di difesa del bacino del fiume Sarno da parte dell’Ufficio Tecnico del Comune di Pompei di difendere con un guard-rail la riva destra del Sarno che attraversa Pompei per quasi un chilometro lunga via Macello. “Attualmente l’unica barriera di difesa contro una caduta nelle acque del Sarno è costituita proprio da quelle erbe spontanee”. Ha fatto notare l’assessore Vincenzo Mazzetti in sintonia con l’indirizzo attuale dell’UTC che da poco ha avviato la pratica di affidamento della progettazione per la ristrutturazione e messa in sicurezza della via Ripuaria (finanziata dal MEF). Appena possibile si farà richiesta di finanziamento dei lavori che dovrebbero intervenire nel quadro della bonifica delle acque del Sarno e la messa in sicurezza del territorio attraversato dal fiume che riguarda anche Pompei prima del tratto di foce nella contigua Castellammare di Stabia. Riguardo alla via Ripuaria sarebbe necessario un finanziamento imponente perché si tratta di rifare una strada di struttura borbonica, oramai corrosa dalle acque del fiume che passa anche sulla sua parte sottostante.
Mario Cardone