Scafati. Pendenze e liti: ricorso per le condanne dei politici

Scafati. Presenteranno tutti ricorso i venti politici condannati dal Tribunale di Nocera Inferiore a una pena pecunaria di oltre due mila euro ciascuno

Scafati Comune
Scafati Comune

Scafati. Pendenze e liti: ricorso per le condanne dei politici.

Presenteranno tutti ricorso i venti politici condannati dal Tribunale di Nocera Inferiore a una pena pecunaria di oltre due mila euro ciascuno. Il gip Luigi Levita non ha tenuto conto delle “giustificazioni” edotte dagli interessati dopo l’apertura del fascicolo, avvenuto due anni fa. Per tutti l’accusa di è falso, perché in sede di proclamazione degli eletti avrebbero auto certificato l’assenza di liti pendenti o debiti verso l’ente.

Tutti hanno onorato il pregresso.

Tutti hanno oggi saldato quanto veniva contestato loro dalla Geset, evitando così d’incorrere nell’incompatibilità e successiva decadenza dalla carica. Ma il pagamento del dovuto non ha annullato il procedimento giudiziario avviato parallelamente dalla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore. Ad essere stati condannati anche coloro che avevano regolari rateizzazioni in corso, che di fatto non estinguono il debito se non a suo azzeramento, o conviventi con responsabili in solido con i familiari.

Michele Russo dice la sua.

Unico a dimettersi il solo Marco Cucurachi, perché deciso a far valere le sue ragioni in sede giudiziaria, mentre Michele Russo è l’unico ad essere stato condannato sia per lite pendente che per tributi non pagati. “Valuterò il ricorso con il mio legale – dice – fermo restando il paradosso che mi trovavo in sostanza a dove ricevere complessivamente soldi dal Comune di Scafati, per un infortunio stradale, a cui ho pure rinunciato”.

La maggioranza.

Oltre al sindaco Cristoforo Salvati, condannati i consiglieri comunali di maggioranza: Paolo Attianese, Camillo Auricchio, Giovanni Bottone, Ida Brancaccio, Nicola Cascone, Antonella Vaccaro, Pasquale Vitiello, gli attuali assessori Nunzia Di Lallo Alfonso Di Massa, Serena Porpora, Arcangelo Sicignano, Raffaele Sicignano. Per la minoranza c’è tutto il gruppo Insieme per Scafati: Michele Grimaldi, Alfonso Carotenuto, Michelangelo Ambrunzo e Michele Russo e gli ex assessori Peppino Fattoruso, e Alfonso Fantasia. Per tutti una multa pari ad euro 2.250, tranne che per Russo, condannato al pagamento di 3.375 euro. Il totale di imposte evase o parzialmente pagate, secondo quanto accertato dalla Geset, ammontava a circa 100 mila euro. Il grosso è relativo alla tassa sui rifiuti non pagata.
Adriano Falanga