Anche l’alimentazione aiuta a smettere di fumare: cibi e altri consigli

Lottare contro il vizio del fumo non è di certo facile: smettere di fumare richiede prima di tutto una forza di volontà ferrea

Alimentazione: pomodori e peperoni
Alimentazione: pomodori e peperoni

Anche l’alimentazione aiuta a smettere di fumare: cibi e altri consigli

Lottare contro il vizio del fumo non è di certo facile: smettere di fumare richiede prima di tutto una forza di volontà ferrea, anche se ci sono alcuni fattori che riescono a dare una mano in questo senso. Un esempio, forse un po’ inaspettatamente se non ci si riflette per bene, è l’importanza dell’alimentazione che può essere un grande alleato per chi ha deciso di rinunciare per sempre alle sigarette. Ecco alcune dritte.

I cibi antifumo

Sembrerà incredibile, ma esiste un gruppo di alimenti detti antifumo che riesce davvero ad aiutare chi vuole abbandonare la dipendenza dalle sigarette, che è principalmente – anche se non esclusivamente – causata dalla presenza della nicotina. Ad esempio, ci sono alcune piante e vegetali che hanno un piccolo quantitativo di nicotina al loro interno: si tratta della famiglia delle Solanaceae, composta da pomodori, peperoni, peperoncini, melanzane e patate, e assumerle quando si sta smettendo di fumare può aiutare visto che danno all’organismo un apporto di nicotina in quantità minime e in modo naturale. Tra i cibi citati, i pomodori hanno anche l’effetto di contrastare lo stress ossidativo, cioè quell’azione praticata dai radicali liberi che contribuiscono all’invecchiamento delle cellule e in particolar modo della pelle e che il fumo favorisce particolarmente; una proprietà condivisa con broccoli, agrumi, avocado, barbabietola, salmone, trota e cioccolata fondente, per citarne alcuni. Cercare di eliminare le sigarette fa inevitabilmente abbassare il livello di glucosio nel sangue e mangiare dolci per alleviare questo effetto non farà altro che aumentare il desiderio di nicotina; piuttosto meglio adottare una dieta basata sui cereali integrali, ottimi sostituti da questo punto di vista. Un altro alimento che sarebbe il caso di evitare è il caffè, che in moltissime persone stimola il desiderio di fumare.

Altri modi per abbandonare le sigarette

La giusta alimentazione può dunque accompagnare in maniera adeguata il percorso di chi vuole smettere di fumare, ma ci sono anche altre cose che si possono fare per cercare di eliminare il vizio. Ne è un esempio la sigaretta elettronica, che oggi è reperibile anche sul web e che ormai da anni ha preso piede ed è diventata probabilmente la principale alternativa alla sigaretta tradizionale, considerando il fatto che si tratta di un prodotto disponibile in diverse varianti e con più di un gusto tra cui scegliere. C’è poi chi ricorre al famoso cerotto alla nicotina, sul mercato ormai da molto tempo e che compie un’azione simile a quella portata avanti dalle piante della famiglia delle Solanaceae citate in precedenza, oppure chi si affida ai consigli di esperti o di libri scritti sul tema. Sono tutti validi espedienti che aiutano nel percorso per abbandonare il vizio del fumo, in cui però il fattore più importante che ci sia è una grande forza di volontà: bisogna pensare ai benefici e provare con tutte le forze a vincere questa battaglia.

In definitiva, i metodi per smettere di fumare sono tanti e diversi tra loro, e tra questi ci sono anche gli alimenti, che in una certa misura possono aiutare a rinunciare al vizio, come visto.