Si complica la qualificazione per il Napoli che affonda sotto i colpi del Granada

Granada Napoli 2 - 0 Herrera 19' Kenedy 21'

Troppi entusiasmi per un match vinto contro la Juventus in campionato. Ma i segnali di preoccupazione c’erano tutti. Una squadra a cui non riesce nemmeno più il tiro in porta! Statistiche che farebbero rabbrividire anche il peggior Napoli di sempre dell’anno 97/98. Il Granada come il Napoli veniva da una serie di risultati poco entusiasmanti e si presentava a questa partita con tante assenze; una su tutte l’attaccante Suarez sostituito dal 38enne Molina, protagonista di una grande prestazione.
Gli azzurri presentano la solita confusione tattica; giocatori che non sanno cosa fare in campo, squadra morbida e poco concentrata sotto porta per le poche occasioni avute. Questa può definirsi una delle peggiori partite giocate in Europa dell’era De Laurentiis. Non aiutano nemmeno le dichiarazioni post partita di Gennaro Gattuso che giustifica la sconfitta con le troppe assenze per infortunio e sembra utopia pensare ad una ipotetica qualificazione se si dovesse continuare di questo passo! Insomma, non è un buon momento per gli azzurri che rischiano di gettare al vento il terzo obiettivo della stagione dopo esser usciti da Coppa Italia e aver perso la Supercoppa Italiana contro la Juve. Raggiungere il quarto posto per la società partenopea è fondamentale per continuare a costruire un progetto vincente e mantenere alto il tetto ingaggi. Così non dovesse essere si aprirebbe uno scenario di ridimensionamento per ADL che vedrebbe la partenza di molti big per ricominciare con giovani di prospettiva e un allenatore emergente!
Il Presidente ha l’obbligo di intervenire per evitare la debacle di una squadra sempre più sconnessa.
Domenica alle 18.00 si ritorna a Bergamo contro l’Atalanta sperando in un risultato positivo per rimanere in scia dell’alta classifica e dare un senso a questa stagione.