Pompei. Stefano De Caro in contrasto con la nomina di Zuchtriegel da le dimissioni da presidente dell’Associazione Internazionale Amici di Pompei

Oltre che dare le dimissioni dal Comitato Scientifico del Parco Archeologico di Pompei insieme a Irene Bragantini (erano quattro membri presieduti dal Direttore Generale) in polemica per la nomina di Gabriel Zuchtriegel come nuovo direttore al posto di Osanna, Stefano De Caro ha lasciato anche la presidenza dell’Associazione Internazionale “Amici di Pompei” fondata da Amedeo Maiuri nel 1955 Allo scopo di promuovere la migliore conoscenza di Pompei Antica e l’incremento degli studi sugli scavi pompeiani insieme alla tutela del Monumento Archeologico con una serie di iniziative (cicli di conferenze, visite guidate di siti archeologici e pubblicazione annuale della “Rivista di studi Pompeiani”) con contributi di alto profilo scientifico. Stefano De Caro che ha recentemente ricevuto per l’archeologia il prestigioso Premio dell’Accademia dei Lincei, assegnato per l’economia monetaria a Mario Draghi, si era autodefinito. “Un archeologo fuori moda.” Ora a proposito della nomina di Zuchtriegel ha argomentato “non ci sembra abbia esperienza – spiegando – Un curriculum insufficiente per dirigere Pompei. Nello specifico: “Il nuovo direttore Zuchtriegel è molto esaltato per la sua attività nel parco di Paestum, ma a noi sembra che a Pompei non abbia avuto tutta questa esperienza: dal suo curriculum risultano 8 mesi alla segreteria del Parco, ma in 8 mesi non riesci a farti un’idea sui millenni di storia di Pompei”. Ora tutta questa polemica sulla nomina di Zuchtriegel ha inciso (a causa di perdita di professionalità non facilmente sostituibili) non solo sulla composizione del comitato scientifico del Parco Archeologico di Pompei ma anche sull’operatività scientifica della rinomata Associazione Archeologica Internazionale che opera in una sede del Parco Archeologico di Pompei con le sue iniziative di alto profilo culturale in diretta collaborazione con la Direzione dello stesso Parco Archeologico. Stefano De Caro (cittadino onorario di Pompei) che come presidente dell’Associazione Internazionale Amici di Pompei era subentrato a Fausto Zevi ha ricoperto la carica di direttore generale ICCROM tenutasi nel novembre 2011 a coronamento della lunga carriera di archeologo e funzionario al Ministero dei Beni Culturali in cui ha ricoperto la carica di Direttore Generale delle Antichità nel Ministero per i Beni Culturali ed Ambientali dove ha iniziato la carriera di funzionario nel 1976 dirigendo per alcuni anni gli scavi di Pompei e ricoprendo successivamente numerosi incarichi apicali in Campania fino alla nomina di Soprintendente e Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania
Mario Cardone