Angri. COVID, oltre quattrocento positivi e prevenzione al palo

Angri. I contagi in città hanno superato la soglia delle quattrocento unità avviandosi a breve verso la soglia dei cinquecento

Angri COVID coronavirus
Angri COVID coronavirus

Angri. COVID, oltre quattrocento positivi e prevenzione al palo

Angri. Rispetto ad un anno fa le decine di positivi quotidiani non sembrano fare più notizia in città.Le piazze affollate a tutte le ore e ordinanze anti COVID disattese e sempre più centellinate, sono humus fertile per il coronavirus.

Armi spuntate contro assembramenti e mancato rispetto delle norme anti COVID

La Polizia Locale, come da più giorni i media annunciano, è un arma “spuntata” contro gli assembramenti e il mancato rispetto delle norme anti COVID, i controlli preventivi restano un faticoso traguardo. L’alfabeto per la spesa, finito alla ribalta nazionale lo scorso anno, è soltanto un ricordo e l’esercito tanto invocato pare più una congettura, una possibile chimera e una panacea contro il virus fuori controllo per manifesta “incoscienza” di quelli che ancora stentano a capire che la mascherina, per il momento, è l’unica difesa contro questa subdola pandemia, oggi pure pericolosamente considerata mutevole.

Leggi e guarda anche
VIDEO – Angri. COVID-19: Piano vaccinale, i dubbi del sindaco Ferraioli

Un triste primato per la città

In attesa del piano vaccinale di massa, i contagi in città hanno superato abbondantemente la soglia delle quattrocento unità avviandosi a grandi passi verso la soglia dei cinquecento, un numero impressionate raggiungibile già nel prossimo week end. Lo slogan “prudenza” adottato dal sindaco Ferraioli non attecchisce e i temerari della boccata d’aria restano impuniti in agguato, inconsapevoli potenziali untori. La città ha paura anche degli imprudenti e dei “negazionisti” che provocano più contagiati COVID e riaprono le porte alla “zona rossa.”

Aldo Severino