VIDEO – Angri/Scafati. Soprapassi ferroviari si apre il contenzioso

Angri - Scafati. A citare comune e Gestore di rete è Giuseppe Ferraioli. Oggetto della vertenza è la costruenda passerella pedonale a confine con il tratto ferroviario

VIDEO – Angri/Scafati. Soprapassi ferroviari si apre il contenzioso.

Contenzioso aperto tra Comune, privato cittadino e il gestore della rete ferroviaria. A citare comune e Gestore di rete è Giuseppe Ferraioli. Oggetto della vertenza è la costruenda passerella pedonale a confine con il tratto ferroviario ubicato al km 29+407 adiacente alla proprietà del medesimo in Via Palmentello, strada di confine tra Angri Scafati.

Questione di spazi e di confini.

Ferraioli è proprietario di un immobile con antistante giardino accanto al quale lungo il tratto terminale del muro perimetrale, durante i lavori della messa in opera della scala della passerella, la ditta incaricata provvedeva all’apposizione di una struttura metallica, alta circa quindici metri, propedeutica alla realizzazione della struttura pedonale con corpo ascensore nell’ambito del più complesso programma per la soppressione dei passaggi a livello ferroviari della linea ferroviaria Napoli – Potenza nei comuni di Angri e Scafati. Secondo il legale del signor Ferraioli, l’avvocato Matrone, ci sarebbe stata una manifesta violazione delle distanze legali. La struttura metterebbe a rischio anche privacy e sicurezza. Secondo la denuncia il progetto approvato dal comune di Angri non avrebbe previsto alcun tipo di tutela per la sicurezza e la privacy della proprietà Ferraioli.

L’intervento di Alfonso Di Massa e Paolo Attianese.

A supporto di Ferraioli anche l’assessore delegato del comune di Scafati Alfonso Di Massa e il consigliere comunale Paolo Attianese che stanno seguendo da vicino la questione relativa alla costruzione dei due sottopassi ferroviari tra Via Palmentello e Via Salice lungo la direttrice di confine tra le due cittadine.

Leggi anche Angri/Scafati. In ultimazione le passerelle pedonali ferroviarie

Il servizio è di Aldo Severino