Pompei. Solo delusione sull’Incontro in Regione Campania sul progetto Eav

“Solo delusione” Sarebbe in sintesi il risultato sull’incontro in Regione Campania secondo quanto riferiscono il giorno dopo i comitati dei pompeiani che si battono per modificare il progetto urbanistico dell’ Ente autonomo Volturno, che partendo dall’esigenza di sopprimere 4 passaggi a livello a Pompei ha ridisegnato un intero percorso viario, una piazza ipogea, parcheggi ed altro, che potrebbe anche andar bene se non ci fosse la pericolosità dei sottopassi. La delusione dei comitati no sottopassi nasce principalmente dalle numerose assenze a partire dal presidente della commissione trasporti della Regione Campania, Luca Cascone e di una delegazione del comune di Pompei. Delusione, viene rappresentata nel comunicato, per “l’ambiguità” del sindaco di Pompei, Carmine Lo Sapio, in quanto avrebbe chiesto al presidente della commissione trasporti di andare avanti nella messa in cantiere dell’opera nonostante avesse pubblicamente sostenuto la soluzione del collegamento Pompei Poggiomarino su linea tranviaria. Bastano queste considerazioni per far intendere al lettore attento che evidentemente non c’è alcuna volontà positiva da parte del governo delle Regione Campania né del governo del comune di Pompei di modificare il progetto Eav. Evidentemente in casi come questi la politica pratica manifestazioni di facciata che vengono presentate come aperture democratiche ma che hanno esclusivamente valore effimero e dilatorio. In casi del genere movimenti di protesta o si mobilitano o ripiegano su se stessi. Per farla breve la conclusione dell’incontro del 31 marzo è stata quella di procedere a due nuovi incontri (uno tecnico e uno politico). Come si diceva è evidente la strategia dilatoria. Nel frattempo i comitati si sono impegnati con l’ingegnere Fiorentino Borriello (su cui vengono espresse nel comunicato numerose valutazioni su quello che dichiara ma l’unica conclusione concreta è che li ha intrattenuti per ben tre ore e alla fine ha dato loro un appuntamento per altre due convocazioni in Regione) a stilare una lista di domande squisitamente tecniche sul progetto da sottoporre ad un tavolo tecnico con i progettisti di Eav convocati dall’ingegnere Borriello. Un secondo tavolo politico vedrà protagonisti i sindaci dei comuni vesuviani che dovranno dire la loro sulla trasformazione della linea Pompei – Poggiomarino da ferroviaria a tranviaria.