Scafati. 50mila euro per il rilancio del Quartiere Vetrai

Scafati. Una proposta progettuale partecipata, finalizzata alla rivitalizzazione del quartiere Vetrai, nel centro storico della città

Scafati Quartiere Vetrai
Scafati Quartiere Vetrai

Scafati. 50mila euro per il rilancio del Quartiere Vetrai.

Fino a 50mila euro per il rilancio del Quartiere Vetrai. Il comune di Scafati, tramite il settore “Innovazione tecnologica e Servizi culturali”, ha proposto la sua candidatura con un progetto per la riqualificazione del centro storico denominato “Vitrare vivi”, presentato da un gruppo di soggetti associati che avevano partecipato alla manifestazione di interesse indetta dal Comune di Scafati il 4 marzo scorso.

Una proposta progettuale.

“Si tratta – ha dichiarato il Sindaco Cristoforo Salvati – di una proposta progettuale partecipata, finalizzata alla rivitalizzazione del quartiere Vetrai, nel centro storico della città, attraverso piccoli interventi di trasformazione e riqualificazione di spazi aperti comuni, come cortili, vicoli e piccoli slarghi, iniziative innovative di inclusione sociale e integrazione culturale, percorsi didattici e formativi per giovani e studenti. I destinatari del progetto sono, quindi, non solo i residenti del quartiere, ma tutti i cittadini di Scafati che sono chiamati a riappropriarsi di spazi del territorio che esprimono l’identità culturale di un’intera comunità”.

Un cartello di associazioni.

Il progetto è frutto del lavoro portato avanti dal “laboratorio Vitrare”, un cartello di associazioni coordinato dall’architetto Sergio Catalano, in prima linea per la tutela e valorizzazione dello storico quartiere, soprattutto durante la triste fase del commissariamento cittadino. A volere la loro partecipazione alla manifestazione il consigliere Luca Maranca, delegato alla valorizzazione del centro storico. “Si tratta di laboratori di progettazione partecipata aventi come oggetto il design urbano dei luoghi di vita in comune dei cittadini, ovvero di spazi pubblici di prossimità, che prevedono piccoli cantieri di auto-costruzione e micro-trasformazioni attraverso interventi di arredo e verde urbano, valorizzazione di superfici e spazi con interventi artistici multimediali – spiega Maranca – In particolare la proposta individua alcune aree di intervento particolarmente degradate di significativa importanza, come Piazzetta Sansone, Largo Quercia, Largo Nappi, Cortile Desiderio, Cortile Sicignano, Vicolo cortile Sansone, Cortile Borrelli, Cortile De Felice, Cortile Nastri, Vicolo Formisano”. Il progetto nasce dalla sinergia delle associazioni: Comitato Laboratorio Vitrare, Forum dei Giovani di Scafati, Associazione Radicity, Associazione Raggio di Sole, Associazione Aglaia, Associazione Cortocircuito e Associazione L’Arca di Noè. “Sono convinto che bisogna, con attenzione e diligenza, monitorare e captare fondi provenienti da altre istituzioni, tenuto conto che, purtroppo, le idee e la passione non sempre da sole bastano” puntualizza Maranca.

Adriano Falanga

Leggi anche Scafati. Manutenzione impianti di pubblica illuminazione, firmato il contratto