VIDEO – Sarno. Le tradizioni popolari, il cammino dei Paputi

Sarno. Paputi: un corteo di dolore e invocazione tra mistero, riti, credo e penitenza viatico verso la Santa Pasqua

Sarno. Le tradizioni popolari, il cammino dei Paputi.

Sarno vive per il secondo anno consecutivo l’assenza della processione dei Paputi, uno dei riti pasquali più antichi che caratterizza i giorni santi prima della Pasqua cristiana in Campania. La pandemia anche quest’anno impedirà la dolorosa e suggestiva via Crucis per le strade della città degli incappucciati nel giorno del Venerdì Santo.

Il rito della fede e della passione.

Un rito che si alimenta ogni anno di fede e di passione già dalle prime luci dell’alba. Un corteo di dolore e invocazione tra mistero, riti, credo e penitenza viatico verso la Santa Pasqua. Già dalle prime luci del venerdì santo Sarno accoglie i fedeli incappucciati che portano in via Crucis le croci lignee. Una tradizione che vira tra il mistico e religioso e che si ripete dal 1200. Dinamiche suggestive e piene di simbologia.

La simbologia.

L’incappucciato con le su bianche vesti, come uno spirito, e la rappresentazione materiale di un’anima trapassata ma anche simbolo della rinascita a una nuova vita, cosi come lo rappresenta la Pasqua cristiana. Il Paputo è proprio l’uomo vecchio che rinasce, dal latino “pappus”. È anche la simbolica rinascita alla Primavera e quest’anno assume ancora più valenza con la pandemia che non cede alla vita normale.

Le nove confraternite.

A dare vita a questa suggestiva festa orizzontale di primavera sono nove confraternite. In origine, nel XIII secolo erano tre. Anche il simbolismo dei numeri ha la sua importanza. Il tre e i suoi multipli rappresentano il Potere della Trinità. I rappresentanti di tutte le confraternite portano il cappuccio bianco e un simbolo che le contraddistingua. Tutte tranne la confraternita di San Matteo, rappresentata dai cappucci rossi. Il colore rosso in effetti richiama il sangue, il dolore di Cristo sulla Croce. La confraternita di San Francesco, invece, si riconosce per il saio francescano. Tutti simboli forti della Chiesa cristiana.

Il servizio è di Aldo Severino

Vedi anche Sarno. VIDEO. La suggestiva processione dei Paputi