Angri. Nuovi dirigenti tegola su Cosimo Ferraioli

“Grande Angri” diventa la spina nel fianco per la maggioranza guidata da Cosimo Ferraioli

Angri comune
Angri comune

Angri. Nuovi dirigenti tegola su Cosimo Ferraioli.

“Grande Angri” diventa la spina nel fianco per la maggioranza guidata da Cosimo Ferraioli. Ad alimentare ulteriori dissidi, come scrive il quotidiano “La Città”, sul fronte interno sarebbero le designazioni dei vertici dei settori comunali. La civica “Grande Angri”, che fa capo al presidente del consiglio comunale, Massimo Sorrentino, avrebbe bocciato la proposta del sindaco Ferraioli di scorporare il pacchetto delle deleghe al dirigente Alfonso Toscano.

Il ritorno di Emilio D’Antuono.

Per la gestione degli affari generali il sindaco ha conferito l’incarico a Emilio D’Antuono, già responsabile delle Politiche Sociali nel corso della gestione commissariale nei primi mesi dopo il rientro del sindaco Ferraioli riammesso dalla giustizia ordinaria nel primo mandato. L’altra novità nel quadro dirigenziale dell’ente è rappresentata dalla nomina di Mariolina D’Amora al settore entrate.

Necessità di rimodulare la giunta.

Il braccio di ferro tra le diverse rappresentanze dell’alleanza, però, potrebbe avere delle ripercussioni nell’immediato futuro con screzi e richieste che potrebbe portate a una rimodulazione della giunta comunale come già anticipato dalla nostra testata. Ipotesi questa che troverebbe credito nel malcontento di diversi consiglieri comunali anche in passato hanno incalzato Ferraioli esortando a rilanciare l’azione politica amministrativa ormai contraddistinta da una protratta fase di stallo che continua a caratterizzare questa prima parte del secondo mandato elettorale di Ferraioli.

Maria D’Aniello

Una fase dove sta emergendo proprio la risolutezza della civica “Grande Angri” e la crescita politica esponenziale dell’assessore alle politiche sociali Maria D’Aniello che oggi in termini di consenso è considerata tra una delle prossime papabili alla candidatura alla successione di Ferraioli.

Leggi anche Angri. Maggioranza litigiosa mentre la città va a rotoli