Crisi politica a San Marzano. Zuottolo revoca 2 assessori

Prima crisi politica a San Marzano sul Sarno. Centro della vertenza l'approvazione del project financing sulla pubblica illuminazione

San Marzano sul Sarno consiglio comunale
San Marzano sul Sarno consiglio comunale

Crisi politica a San Marzano. Zuottolo revoca 2 assessori.

Prima crisi politica a San Marzano sul Sarno. Centro della vertenza l’approvazione del project financing sulla pubblica illuminazione. Il progetto, che mette d’accordo anche la minoranza, approvato all’unanimità in consiglio crea nella maggioranza del sindaco Carmela Zuottolo una prima importante frattura che produce due importanti defezioni. Zuottolo sulla scorta di queste constatazioni venendo a mancare il “rapporto fiduciario” ha revocato le deleghe agli assessori Calabrese e Grimaldi palesemente in netta contrapposizione con la decisione presa in assise.

Maggioranza tribolante.

Oltre all’assenza di Calabrese e Grimaldi anche consiglieri sostenitori dei due assessori Gerolamo Oliva e Mariano Ciancia hanno disertato il consiglio comunale in contrasto con l’indirizzo politico dell’amministrazione Zuottolo che ha quindi deciso il loro preventivo avvicendamento.

La genesi del progetto.

Il progetto della pubblica illuminazione era stato portato all’ordine del giorno su proposta del Vicesindaco Marco Iaquinandi attento a queste specifiche istanze migliorative per il territorio cittadino. “Con l’approvazione del project financing è stata scritta una bella pagina di storia per la città” ha sottolineato il sindaco Zuottolo che ha voluto espressamente ringraziare i consiglieri di “Noi tra Voi” Colomba Farina, Vincenzo Marrazzo e Maria Calenda per l’atto di responsabilità con il loro voto favorevole, nonostante qualche perplessità sulla tempistica per la presentazione manifestata dal gruppo di opposizione durante l’assise. Hanno votato il progetto anche i consiglieri Lisa Maiorano e Margherita Oliva. Un progetto caro all’ex assessore Raffaele Belvedere, candidato proprio tra le fila dell’opposizione nell’ultima tornata elettorale, che per primo detto le linee guida dell’indirizzo progettuale, come evidenziato dalla consigliera Colomba Farina.
RePol

Leggi anche Angri. Il caso: su Ferraioli incombe la Corte dei Conti