Scafati. Il grande lavoro dei centri vaccinali cittadini

Scafati. Soltanto la giornata di sabato ha visto la vaccinazione di 480 convocati. Rispetto alle diffidenze degli over 70, sulla somministrazione Astrazeneca

Scafati Polo Vaccinale Scarlato
Scafati Polo Vaccinale Scarlato

Scafati. Il grande lavoro dei centri vaccinali cittadini.

“Gli over 60 scafatesi hanno risposto in massa alla vaccinazione. A loro va un plauso”. Soltanto la giornata di sabato ha visto la vaccinazione di 480 convocati. Rispetto alle diffidenze degli over 70, sulla somministrazione Astrazeneca la fasce più giovani non mostrano particolari difficoltà. Almeno stando a quanto racconta Michelina Baldi, coordinatrice del centro vaccinale di via Della Resistenza. Qui in poco più di un mese sono stati vaccinati oltre 5mila iscritti in piattaforma, appartenenti alle categorie non fragili, e ricadenti nel distretto 61 che oltre Scafati abbraccia Angri, Sant’Egidio Monte Albino e Corbara. Un distretto che rispetto alla media dell’hinterland viaggia a pieno ritmo.

Un buon ritmo vaccinale.

Vaccinati con seconda dose circa l’80% degli over 80. Quasi terminati gli over 70 con prima dose e da una settimana stanno vaccinandosi gli over 60. Fragili e disabili vengono vaccinati al centro ospedaliero guidato dal neurochirurgo Enzo Buono. Operativo da gennaio, il centro registra una media di 150 vaccinati sui circa 180 convocati. Numeri più importanti registra invece il centro di via Della Resistenza coordinato dalla Baldi. “Stiamo approntando la vaccinazione domiciliare dei non deambulanti over 80 tramite medici Usca” spiega il commissario Asl per l’emergenza Covid Mario Polverino.

Pronto il drive – in.

I non deambulanti trasportabili saranno invece vaccinati presso l’ex pronto soccorso dello Scarlato. “Qui sarà allestito un “drive in auto”, grazie alla collaborazione con i servizi sociali del Comune di Scafati”, anticipa il direttore sanitario Maurizio D’Ambrosio. Sarà la Protezione Civile ad accompagnare i non deambulanti trasportabili, permettendo loro di accedere alla vaccinazione senza lasciare il mezzo che li accompagna.

I monoclonali.

Buoni anche i risultati che arrivano dall’ambulatorio per la somministrazione degli anticorpi monoclonali guidato dal dottor Gaetano Cicchitto. “Sono oltre 130 i pazienti presi in carico, con risultati soddisfacenti” conferma Polverino. Dopo l’addio di Rino Pauciulo, il direttore generale Asl Mario Iervolino, su indicazione di Polverino, avrebbe individuato in Silvio Vitiello il neo responsabile del pronto soccorso Covid. Scafatese, 63 anni, Vitiello è dirigente medico del reparto Rianimazione. A giorni la conferma del nuovo incarico. Un compito importante e gravoso il suo, chiamato a guidare le attività di uno dei reparti più complessi del Polo Covid Scarlato, finito diverse volte sotto i fari mediatici per la coda di ambulanze in attesa all’esterno. Un “disservizio” fortemente stigmatizzato da Pauciulo, che non ha chiesto (e neanche gli è stato proposto) il rinnovo del contratto.

Adriano Falanga

Leggi anche Angri. Consiglio comunale: la maggioranza Ferraioli “lagga”

Revolution Slider ERRORE: Slider with alias slider-elezioni-2020 not found.
Maybe you mean: 'sidebarhome' or 'bannerhome01' or 'homeunder' or 'banner-home-fondo' or 'slider-2-box' or 'slider-straordinaria'