Pompei. il 30 maggio la preghiera in Santuario per la fine della pandemia

Nel Santuario mariano, alle 18, penultimo appuntamento con la maratona del santo Rosario
voluta da Papa Francesco.

Sarà il Santuario di Pompei a guidare, domenica 30 maggio, la preghiera per la fine della
pandemia, voluta da Papa Francesco. Il Tempio mariano, fondato alla fine dell’Ottocento dal
Beato Bartolo Longo, è tra i trenta santuari di tutto il mondo che hanno accolto l’invito
del Pontefice di dedicare il mese di maggio ad una ‘maratona’ di preghiera, per chiedere la fine
della pandemia e pregare per la ripresa delle attività sociali e lavorative.
L’organizzazione dell’evento è stata affidata al Pontificio Consiglio per la Promozione
della Nuova Evangelizzazione, ha il suo filo conduttore nelle parole degli Atti degli Apostoli:
« Da tutta la Chiesa saliva incessantemente la preghiera a Dio ». Il Dicastero ha dunque esteso
l’invito a tutti i santuari del mondo in modo da coinvolgere sacerdoti, religiosi e laici,
invitandoli a unirsi a questa preghiera di intercessione e speranza alla Beata Vergine. Con la
preghiera del Rosario, ogni giorno del mese è caratterizzato da una specifica intenzione di preghiera per le varie categorie maggiormente colpite dal dramma della pandemia.
A Pompei, guidati dall’Arcivescovo, Monsignor Tommaso Caputo, si pregherà per la
Chiesa. « Il 30 maggio, in Santuario – ha detto il Prelato – assieme ai sacerdoti, ai religiosi e alle religiose, ci saranno anche i responsabili delle nostre opere sociali, con le persone accolte: bambini, donne e mamme in difficoltà, anziani, persone diversamente abili, poveri. Perché la
fede non può essere mai disgiunta dalla carità».
«Il Santo Rosario – ha continuato – è il fondamento stesso del nostro Santuario ed è al
centro della nostra azione pastorale e del nostro impegno di carità. A Pompei preghiamo con
l’aggiunta della clausola che, al termine della prima parte dell’Ave Maria, ricorda il mistero
che si sta contemplando, rimarcandone la dimensione cristologica, così come aveva indicato
San Giovanni Paolo II nella lettera apostolica “ Rosarium Virginis Mariae” ». Il momento di preghiera avrà inizio alle ore 18, in Basilica, e sarà trasmesso attraverso i canali social ufficiali della Santa Sede e sulla pagina Facebook Pontificio Santuario di Pompei . L’animazione liturgica è affidata alle parrocchie di Pompei, ai religiosi, ai rappresentanti delle associazioni e ai responsabili delle opere sociali, che si avvicenderanno nella preghiera e
nell’accensione delle lampade ad ogni mistero. Per l’internazionalità dell’evento e per coinvolgere i milioni di devoti della Madonna di Pompei presenti in tutto il mondo, la preghiera, in alcune sue parti, sarà recitata in diverse lingue straniere. L’orazione si concluderà con la recita della Preghiera alla Vergine per la fine della pandemia. L’ultimo appuntamento della ‘maratona’, così come il primo, sarà guidato, infine,
proprio da Papa Francesco, il giorno successivo, 31 maggio, da un luogo significativo dei Giardini Vaticani.