VIDEO – Angri. Progetto per un nuovo Cavalcavia in via Stabia

Angri. Il cavalcavia che congiunge Via Stabia con la Via dei Goti dovrà essere demolito e rifatto

Angri. Progetto per un nuovo Cavalcavia in via Stabia.

Il cavalcavia che congiunge Via Stabia con la Via dei Goti dovrà essere demolito e rifatto. Almeno questa l’intenzione dei tecnici del gestore della rete e dell’amministrazione comunale che ha chiesto al gestore della rete un intervento tecnico per valutare la staticità e la necessità d’intervenire in maniera invasiva mediante una “identificazione dinamica” delle criticità legate al ponte. Sul posto in questi giorni per il sopralluogo i tecnici gestore della rete autostradale che stanno effettuando una serie di trivellazioni sulla superficie del ponte. Un passaggio necessario per la realizzazione del progetto.

Nel rifacimento il ponte dovrebbe essere allargato per dare spazio a due ampie corsie e altri accorgimenti per la sicurezza dei pedoni che transitano sulla strada extra urbana. Il transito sul ponte oggi è regolato da un sistema semaforico temporaneo che alterna il transito veicolare in entrami i sensi di marcia.

Il Cavalcavia nell’ultimo periodo è soggetto a un massivo flusso veicolare, conseguenza dell’apertura della nuova diramazione autostradale deviata, senza alternative, sulle strade secondarie del territorio proprio per la mancata apertura della bretella M2 che congiunge Via Stabia con l’interconnessione della rampa con la barriera dell’A3 e la Strada Statale 268 a Monte del Vesuvio. Una situazione critica che costringe Via Paludicella, Via Campia e appunto Via Stabia ad accogliere l’enorme flusso veicolare che precedentemente veniva smaltito lungo la Via Dei Goti e dal vecchio Casello autostradale. Una situazione che potrebbe essere ancora maggiormente critica con l’avvio della campagna del pomodoro alle porte. I tempi di realizzazione del nuovo cavalcavia, secondo un primo crono programma, potrebbero richiedere molti mesi, come afferma il vice sindaco Mainardi.

Il servizio è di Tiziana Zurro

Guarda anche VIDEO – Scafati. Il soprapasso ferroviario che unisce la città