Pompei. Interrogazione Frezza De Gregorio ribadisce progetto Eav andrà avanti

“Il progetto ha ottenuto il via libera amministrativo da parte di tutti gli enti competenti. I comitati sono stati ascoltati diverse volte e per quanto possibile si è tenuto conto delle loro richieste. Una cosa è certa: dobbiamo eliminare tutti i passaggi a livello dalla città (ce lo impone la normativa europea e quella nazionale sulla sicurezza ferroviaria) ed il sottopassaggio è cento volte meno pericolo di un passaggio a livello, dove avvengono l’83 per cento degli incidenti mortali”. Con queste considerazioni il presidente e direttore generale di Eav, Umberto De Gregorio ha replicato sui social al consigliere regionale Frezza che aveva presentato un’interrogazione parlamentare in cui venivano spiegate le incongruenze del progetto Eav al di la della pericolosità dei sottopassi. “In conclusione EAV non si ferma e chi dovesse fermare i lavori se ne assumerà tutte le responsabilità, contabili e legali”. Precisa De Gregorio, che fa l’elenco delle autorizzazioni ricevute sul progetto Eav ( Conferenza dei servizi finale del 12.07.2019 che dichiarava concluso il procedimento “con esito favorevole e acquisizione delle condizioni necessarie per poter realizzare il progetto a livello definitivo”; B. Delibera del Consiglio Comunale di Pompei del 27.09.2019 di approvazione del progetto definitivo degli interventi di compatibilizzazione urbana della linea ferroviaria nel territorio di Pompei, con adozione di variante allo strumento urbanistico generale; determina dirigenziale dell’Area Pianificazione Territoriale, Urbanistica – Sviluppo Valorizzazione e Tutela Ambientale della Città Metropolitana di Napoli- del 25.03.2021, che dichiara la variante al P.R.G. adottata dal Comune di Pompei con la delibera consiliare “coerente” alle strategie a scala sovracomunale) e fornisce la descrizione sintetica del progetto e degli interventi previsti (Gli interventi del progetto “Interventi di Compatibilizzazione urbana della linea ferroviaria nel comune di Pompei” sono interamente coperti dal finanziamento di € 67.437.767,28 messo a disposizione dalla Regione Campania; Soggetto attuatore: EAV Srl; Le opere necessarie per la Compatibilizzazione urbana della linea ferroviaria consistono in: a) Riorganizzazione della viabilità: il progetto prevede un ridisegno della viabilità, sia carrabile che pedonale, finalizzato alla eliminazione degli attraversamenti ferroviari. Questa nuova organizzazione viaria comporta sensi di percorrenza che coinvolgono anche strade che sono da considerarsi più periferiche rispetto all’area centrale, interessata direttamente dall’attraversamento della linea ferroviaria. L’intera viabilità di progetto è stata suddivisa in tronchi. b) Eliminazione dei PP.LL. e sottopassi: le opere di riqualificazione delle strade esistenti e di nuova viabilità comportano la realizzazione di interventi sostitutivi dei passaggi a livello da sopprimere. In particolare è prevista prioritariamente la realizzazione di: Sottopasso carrabile Santuario e Sottopasso carrabile via Scacciapensieri; successivamente sottopasso carrabile via Parroco Federico e sottopasso pedonale via Crapolla II. Tali opere realizzano la completa ricucitura del tessuto viario esistente e consentiranno un più sicuro tracciato viario, garantendo nel contempo un più agevole collegamento privo di vincoli costituiti dagli attuali PPLL. c) Parcheggio sotterraneo di via Fucci che prevede la capienza di 280 p.a. al servizio della città e in stretta connessione e diretta accessibilità alla stazione ferroviaria. d) Piazza Ipogea con sottopasso pedonale su via Nolana – Accesso Nord Stazione Pompei Santuario e sottopasso: La formazione di uno spazio aperto e continuo posto ad una quota inferiore a quella del piano urbano, riservato alla mobilità pedonale e articolato in una serie di percorsi, attrezzature ed ambienti urbani che riconnettono le parti della città a monte ed a valle della linea ferroviaria. Questo spazio si suddivide in una parte occidentale comprendente le componenti che consentono di sottopassare la linea ferroviaria, la cosiddetta “Piazza ipogea”, ed una parte orientale che conforma uno spazio di interscambio modale, comprensivo di una autorimessa multipiano “Autorimessa via Fucci” e di collegamenti con la stazione ferroviaria e con il livello del nuovo viale urbano “Accesso Nord stazione Pompei Santuario e sottopasso”. e) Pista ciclabile in adiacenza del nuovo asse viario, per circa 700 metri a partire dall’attuale sovrappasso pedonale in prossimità della stazione Pompei Santuario e si conclude oltre l‘ultima rotonda in prossimità di Via Scacciapensieri. f) Riqualificazione idraulica e viaria di via Nolana con Intercettazione delle acque meteoriche a monte, rifacimento rete fognaria e nuova organizzazione viaria. g) Isola pedonale: l’intervento prevede la pedonalizzazione della parte meridionale della via Nolana e della via De Fusco e il rinnovamento di piazza Bartolo Longo e dei suoi giardini. h) Riqualificazione igienico funzionale e risanamento strutturale della casa di riposo Borrelli e annessa cappella: con l’acquisizione di nuovi spazi per l’accessibilità al sottopasso Scacciapensieri si presenta l’opportunità di risanare l’intera struttura che si presenta attualmente in un avanzato stato di degrado generale. i) Demolizione sovrappasso pedonale: la nuova configurazione del piazzale di stazione unita alla riorganizzazione della viabilità fa sì che il sovrappasso pedonale esistente risulti superfluo e incompatibile con il nuovo progetto, pertanto è stato previsto l’abbattimento dello stesso. j) Wi-Fi e videosorveglianza viabilità: Nell’ambito del progetto è prevista la implementazione di una rete Wi-Fi e di un sistema di videosorveglianza. k) Riqualificazione della stazione Pompei Santuario: risulta necessario adeguare l’edificio a nuove esigenze funzionali nonché alle norme vigenti in materia di eliminazione delle barriere architettoniche e percettive con modifiche dell’attuale layout planimetrico limitatamente alle mutate esigenze funzionali del committente e a quanto necessario per l’adeguamento alle norme per gli utenti con ridotte capacità sia motorie, sia sensoriali. l) Armamento e Trazione Elettrica: Eliminazione del quarto binario e della terza banchina da anni in disuso.

Agro24Spot