Nocera Inferiore. Atti vandalici: indagini sulla baby gang

Nocera Inferiore. A consumare vari episodi di vandalismo sarebbero dei giovanissimi come riportato dalle registrazioni delle telecamere di video sorveglianza

Nocera Inferiore. Polizia Locale e Comune
Nocera Inferiore. Polizia Locale e Comune

Nocera Inferiore. Atti vandalici: indagini sulla baby gang.

Vari atti vandalici finiti nel mirino investigativo delle forze dell’ordine. A consumare vari episodi di vandalismo sarebbero dei giovanissimi come riportato dalle registrazioni delle telecamere di video sorveglianza collocate sul territorio e ora al vaglio degli inquirenti. I giovanissimi sono stati ripresi chiaramente mentre tentano di scassinare un parcometro, ed è questa una delle scene registrate dal sistema di videosorveglianza comunale e ora oggetto d’indagine per vandalismo.

Le indagini.

Da una prima ricostruzione, come riporta il quotidiano “La Città”, nel mirino sarebbero finiti alcuni giovanissimi, di entrambi sessi di Nocera Inferiore e di altre città dell’agro coinvolti nel danneggiamento di beni pubblici e privati avvenuti durante la fase di allentamento delle restrizioni della zona rossa. Sono molte le segnalazioni che sarebbero state fatte al corpo di polizia locale diretta dal comandante Carmine Bucciero. Informazioni che sono state messe a disposizione dei Carabinieri del reparto territoriale diretto dal colonnello Rosario di Gangi che stanno procedendo all’approfondimento investigativo di dei vari episodi denunciati. I danni sono stati registrati in Via Bosco Lucarelli, Via Sarajevo e al monta scale per i diversamente abili del sottopassaggio di via Martina Y Cabrera.

Le riprese.

Le riprese delle telecamere non lascerebbero dubbi, molti degli autori degli episodi sono ben riconoscibili. Le telecamere di videosorveglianza si sono rivelate fondamentali nell’individuazione dei soggetti. Se venisse confermata la testi del coinvolgimento degli adolescenti gli eventuali provvedimenti giudiziari potrebbero interessare anche il tribunale per i minori e in una successiva fase potrebbero essere chiamati in causa i servizi sociali. Non è escluso un possibile risarcimento del danno.

Guarda anche VIDEO – Angri. L’acqua Sarnella in tour fa tappa al Mojo

Agro24Spot