Scafati. Stadio intitolato a Giovanni Vitiello detto ‘O Sceriff

Con lo scoprimento della targa, si è definitivamente chiuso l’iter per la titolazione dello stadio comunale al compianto Giovanni Vitiello ‘o sceriff. Si è svolta la cerimonia di intitolazione promossa ed organizzata dal Comitato “Insieme per Giovanni”, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale. Sono intervenuti: il Sindaco Cristoforo Salvati, il Presidente del Comitato promotore, Giuseppe Cacciapuoti, l’ex calciatore Massimo Rastelli e tanti giovani che hanno voluto ricordare Giovanni “o’ Sceriff” attraverso le loro testimonianze. Al termine della cerimonia il Sindaco Salvati, insieme a Silvio e Rosamaria Vitiello, fratello e sorella di Giovanni, hanno scoperto una targa di marmo a lui dedicata nel piazzale antistante lo Stadio.

L’iter, partito grazie al Comitato presieduto da Cacciapuoti, ha visto prima l’ok unanime del Consiglio Comunale, e in deroga ai dieci anni di attesa dalla morte, anche dal Prefetto di Salerno Francesco Russo. “Un riconoscimento dovuto ad una persona che ha lasciato il segno in questa città, per l’esempio di onestà, umiltà e altruismo che ha rappresentato per tutti – le parole del Sindaco Cristoforo Salvati – Per chi, come me, ha conosciuto Giovanni e ha avuto modo di apprezzarne le doti morali ed umane, il suo essere educatore, uomo di sport e maestro di vita, non è difficile comprendere il perché della scelta di intitolare alla sua memoria lo Stadio comunale. Ringrazio il comitato promotore, il presidente Giuseppe Cacciapuoti, per tutto l’impegno profuso affinché questo sogno diventasse realtà. E ringrazio tutto il Consiglio comunale per aver condiviso all’unanimità la scelta di questa Amministrazione di procedere all’intitolazione, a dimostrazione del fatto che la stima e l’apprezzamento per l’uomo, per l’educatore, che e’ stato punto di riferimento per tanti giovani scafatesi, guida ed emblema di valori morali ed etici fondamentali come la semplicità, l’umiltà e la solidarietà, prescinde dai colori e dalle appartenenze politiche”.

Adriano Falanga

Agro24Spot