Estate al fresco tra le mura di casa: il bonus

Estate al fresco tra le mura di casa: il bonus che aiuta gli italiani che non vanno in vacanza

Aria Condizionata
Aria Condizionata

Estate al fresco tra le mura di casa: il bonus che aiuta gli italiani che non vanno in vacanza

Per molte persone l’estate è uno dei periodi preferiti dell’anno, un momento in cui riuscire finalmente a staccare la spina dalla vita di tutti i giorni e a godere di un po’ di relax, magari nella propria casa vacanze. Un’abitazione di questo tipo, però, ha bisogno di soddisfare specifiche esigenze; necessita, ad esempio, di un sistema di ventilazione o di condizionamento dell’aria che aiuti a combattere il caldo della stagione estiva.

Acquistare un condizionatore

Per rinfrescare la propria casa quando l’afa si fa sentire, esistono diverse soluzioni; dal condizionatore fisso a quello portatile, passando per il più comune e forse meno efficace ventilatore. Un’ottima soluzione per combattere al meglio il caldo estivo è stata pensata con la creazione del bonus confermata dalla legge di bilancio 2021; quest’agevolazione si può sfruttare per tutto l’anno in corso e senza nessun tipo di limite ISEE.

Nello specifico, si tratta di una detrazione fiscale del 50% (per un massimo di 46.154 euro) che può essere richiesta se si installa un apparecchio appartenente alla classe energetica A+ o superiore, oppure se si effettua una ristrutturazione edilizia; per avanzare la richiesta basterà compilare la dichiarazione dei redditi, a patto che l’acquisto sia avvenuto entro il 31 dicembre 2021. Oltre a questo bonus, per mantenere fresca la propria abitazione esistono anche altre formule, come l’offerta di Engie per il condizionatore, ad esempio, perfetta per chi vuole ottenere un clima confortevole per ogni ambiente senza rinunciare al risparmio.                                                                                                                                    Una volta sfruttata l’occasione giusta, le alternative sul mercato sono tante e bisognerà scegliere in base alle caratteristiche della propria abitazione; l’importante, in ogni caso, sarà ricordarsi di pulire regolarmente i filtri del condizionatore, per evitare cattivi odori, ridurre il consumo di energia e scongiurare disturbi respiratori se si è allergici a polvere o polline.

Come pulire il condizionatore

A proposito della pulizia del condizionatore, questa sembra necessitare di un’attenzione maggiore ora che gli ambienti domestici e gli ambienti lavorativi sono tra i principali luoghi di diffusione del Covid-19.

Il ricambio dell’aria, soprattutto negli spazi popolati da più persone, è fondamentale; tre sono le fasi da seguire per eseguire una corretta pulizia del dispositivo presente in questi contesti: prima di tutto, va pulito il pannello anteriore del condizionatore, che può essere rimosso e lavato con una spugna morbida, dell’acqua e un detergente delicato, per poi essere asciugato con un panno. Poi tocca al filtro, posto proprio dietro il pannello anteriore, che può essere pulito dalla polvere più in superficie con un’aspirapolvere, per poi essere lavato con un detergente delicato e dell’acqua. Importante in questo caso è non asciugare il filtro lasciandolo al sole, in quanto il calore potrebbe piegarlo.

Infine, non resta che igienizzare i filtri di purificazione: attenzione a non lavarli con l’acqua, è preferibile utilizzare un’aspirapolvere per rimuovere la sporcizia presente.

Agro24Spot