Pompei. Street Festival presentazione a Palazzo de Fusco

“Farò di tutto per far crescere Pompei insieme a questi giovani”. Ha esordito il sindaco Carmine Lo Sapio visibilmente soddisfatto alla conferenza di presentazione di Street Art a cusa dell’esordio positivo di un ricco cartellone di eventi estivi che intende contribuire a far tornare tanti visitatori nella città degli Scavi Archeologici e del Santuario della Madonna del Rosario in questa estate di speranza di ripresa dell’economia turistica in un contesto sociale desideroso di tranquillità e solidarietà umana grazie al valore della musica e l’arte che fanno sempre bene al cuore. Il 24, 25 e 26 settembre 2021 a Pompei partirà la prima edizione del Pompei Street Festival che vede protagonista il famoso artista locale Nello Petrucci. Sua è l’alta regia dell’evento che si pone sul filo di prosecuzione ideale (anche se nessuno lo ha detto) del Jazz.it festival in una nuova ripartita in tre grandi filoni a capo dei sono Alfonso Todisco per il comparto musicale; Andrea Valentino per il settore cinema e Chiara Canali pe la Street Art figurativa. E’ il quadro organizzativo di un evento popolare che fruirà della macchina organizzativa di Civitates Pompei, presieduta da Francesca Martire. Si prevede una Kermesse culturale dal respiro polare. Farà sicuramente bene allo spirito e all’economia di Pompei perché le buone pratiche suscitano lo spirito civico ed elevano 8si spera) il livello di partecipazione politica
Il concetto di fondo del festival è basato sul concetto di stimolazione critica e concettuale dell’arte contemporanea che è di stimolo alle pratiche civili che attengono alle tematiche ambientali e sociali attraverso l’arte valutata uno strumento privilegiato per dialogare con la coscienza della gente. L’intenzione dichiarata dei partecipanti a tutti i livelli al tavolo della conferenza stampa a Palazzo de Fusco è di trasformare nella tre giorni settembrina Pompei in un “Museo a cielo aperto” che respiri la stessa area di grandezza della “consorella archeologica”.
Parteciperanno alo Pompei Street Art Festival artisti di strada famosa: dalla Francia Christian Guémy, alias C215, attualmente uno dei più bravi stencil artist in circolazione; dall’Argentina Francisco Bosoletti, autore cultore del barocco napoletano e della pittura rinascimentale toscana che con il suo murales in Irpinia “Genesi” si è classificato terzo tra i murales più belli del mondo secondo la rivista internazionale Widewalls; dalla Polonia Mariusz Waras, meglio noto come M-City, famoso per la particolare tecnica a stencil dei suoi murales che hanno per soggetto le metropoli nelle loro infinite declinazioni attraverso una visione ludica.
Ospiti Pompei arriveranno una trentina di urban artist creativi emergenti prescelti tra 100 artisti provenienti da 35 nazioni che realizzeranno opere d’arte contemporanea su WAS (Wood Art Space) che decoreranno Pompei sistemati lungo le strade veri e propri e propri pannelli di una mostra d’arte contemporanea a cielo aperto mentre sarà dipinto con creazioni artistiche in gesso e materiale biologico.

Per Pompei Street Music sarà sul palco la Nuova Orchestra Scarlatti Junior, del chitarrista jazz Antonio Onorato, del cantautore americano Bret Roberts e del gruppo partenopeo I Foja. Sono previsti tre giorni di, musica live, DJ set; dalla musica classica all’elettronica, passando per il jazz e il pop. Per le strade saranno improvvisate jam session fra musicisti e street artist.
La prima edizione del Pompei Street Cinema Festival è anche dedicata al film d’autore con documentari e cortometraggi. A breve saranno pubblici i nomi dei protagonisti. Sarà messa in campo la promozione di cinema d’arte urbana, storia e archeologia. E’ previsto un premio pere il miglior documentario, la miglior regia, il miglior documentario archeologico, i migliori short film, la migliore fotografia, con una menzione speciale per l’archeo film.
Con il contributo del Collettivo CIAN e del direttore artistico Nello Petrucci, la Fonte salutare sarà arredata con installazioni artistiche realizzate con materiali di riciclo che fungeranno da attrattore culturale e turistico. Alcune opere verranno realizzate in collaborazione con gli alunni delle scuole primarie e secondarie di Pompei mentre per gli istituti superiori è previsto un bando per l’assegnazione di un WAS destinato al miglior progetto di street art.
Importante l’iniziativa ambientalista di Plastic Free Odv Onlus, che accompagna lo street art festival con lo scopo diffondere il concetto di pericolosità della plastica, in particolare quella monouso, che non solo inquina ma uccide. Nell’ambito del Festival, l’Associazione Plastic Free riconosce principi e valori che guidano le proprie azioni. Per questo motivo sarà realizzata, un’opera allestita con la plastica recuperata alla foce del fiume Sarno.
“Sono particolarmente soddisfatto di questa manifestazione che stiamo organizzando nella città di Pompei – dichiara il sindaco Carmine Lo Sapio –. Il Comune sta lavorando in piena sintonia con il direttore artistico Nello Petrucci, nostro concittadino, che ha portato già più volte il nome di Pompei in giro per il mondo. La città a settembre esploderà di colori e di musica. Un viaggio nell’arte a 360 gradi. Siamo solo alla prima edizione, ma sono certo che negli anni lo Street Art Festival diventerà una manifestazione cardine all’interno del panorama culturale campano e italiano”.

Agro24Spot