Pompei. Coalizione Civica per Pompei comunicato per la legalità e il ritorno alla serenità

A seguito di una recente riunione di “Coalizione Civica per Pompei” che alle ultime elezioni amministrative insieme alle liste POMPEI NEL FUTURO, I POMPEIANI, POMPEI VIVA, ALTERNATIVA POMPEIANA, AREA MODERATA, ALLEATI PER POMPEI E POMPEI ARANCIONE,
hanno sostenuto la candidatura a sindaco di Domenico Di Casola. I responsabili politici delle liste,
di concerto con i relativi consiglieri comunali di opposizione, hanno avuto modo di avviare un confronto con i presentatori e gli esponenti del gruppo ALBA POMPEIANA
rappresentato da Nando Uliano, già sindaco della città di Pompei ed Aniello di Maio, con Nino Coccoli per la lista POMPEI POPOLARE e con la consigliera Luisa De Angelis (eletta in maggioranza). Tutti insieme hanno emesso il seguente comunicato.

Si é convenuto sulla necessità di dover creare un fronte comune al fine di poter arginare il mal governo
cittadino e l’immobilismo politico amministrativo dell’attuale amministrazione comunale.
A tal proposito, sulla questione è intervenuto Alfonso Conforti responsabile della lista i
Pompeiani e coordinatore della Coalizione Civica per Pompei: “Abbiamo inteso dare continuità al
nostro progetto politico, che come già avevamo annunciato non sarebbe terminato con le elezione
comunali. La nostra città ormai è allo sbando e ostaggio di pochi che impediscono la corretta è
normale vita democratica. La necessità di questo nostro incontro nasce per creare e sensibilizzare
la cittadinanza attiva di tutti i Pompeiani per rivendicare la manifesta incapacità di questa
amministrazione, in particolar modo per i sottopassi Eav, HUB ferroviario, per lo scempio degli
interminabili lavori di via Lepanto, per una scellerata viabilità e per la latitanza a tutti i livelli degli
amministratori nei confronti del tessuto turistico e commerciale della nostra città. Lerisposte –
continua Conforti – alle fantomatiche, sognatrici ed irreali comunicazioni dell’ufficio stampa del
comune sono, purtroppo: disagi, incapacità e mala gestio della cosa pubblica oramai sotto gli occhi
di tutti. Invitiamo chiunque volesse ad unirsi a questo nostro raggruppamento al fine ti garantire il
giusto ruolo che la nostra città merita.”
A questo progetto partecipa con entusiasmo l’ex sindaco della città di Pompei Nando Uliano: ”
Pompei ha bisogno urgentemente di regole, buonsenso ed attaccamento al territorio. Ci
apprestiamo ad aprire una fase completamente diversa della politica Pompeiana con forze e scelte
oculate finalizzate solo ed esclusivamente all’interesse della nostra città, senza pensare ad
imbarcare ogni giorno chicchessia. D’altronde in maggioranza vi sono i protagonisti di sempre
fautori delle sfiducie a molti sindaci di Pompei e responsabili dell’atavica crisi di valori e di rispetto
per la città. Non siamo nuovi della politica né vogliamo lasciarla. In questo largo schieramento
abbiamo ritrovato amici con i quali abbiamo già amministrato insieme ed ora ci ritroviamo di
nuovo uniti. Saremo attentissimi a ripensare agli errori e si cercherà di far trionfare il rispetto e la
lealtà nei confronti dei pompeiani che voteranno il prossimo governo cittadino. Daremo in primis
dignità alla città di Pompei per poi recuperare la nostra dignità di cittadini, soprattutto di quelli a
cui e stata usurpata con congiure e tranelli nelle stanze di un notaio. Rieccoci!”
Nino Coccoli è anch’egli intervenuto in rappresenta della lista Pompei Popolare: “È amaro dover
constatare, ad un anno dalle elezioni, che il programma elettorale su cui abbiamo chiesto ed
ottenuto il consenso da parte dei nostri concittadini è rimasto lettera morta. C’è da denotare una
scarsa capacità di programmazione. La macchina amministrativa è completamente in mano ai
burocrati sono costoro che, di fatto, amministrano: possiamo definirli il “primo” anzi no l’“unico”
potere. Di fronte alla tracotanza dei tecnici appare ancora più evidente l’inadeguatezza dei politici
tanto è vero che, nonostante abbiamo sostenuto e reso possibile l’elezione dell’attuale
maggioranza, in molte occasioni, ci ritroviamo concordi con le proposte e le posizioni di quella che
è, soltanto oggi, la minoranza. L’esempio più tipico è il progetto dei sottopassi che non riceverà
mai il nostro appoggio, così come quello del cosiddetto“hub ferroviario”. Riteniamo, altresì, che sia
più corretto investire per migliorare e completare tutto il patrimonio comunale già esistente nei
vari settori – dallo sport al sociale – piuttosto che indebitare l’Ente per avviare nuove iniziative che
stentano a partire. Bisogna rilanciare una nuova stagione di ampio dialogo politico e di profondo
rispetto e pratica attuazione del principio di legalità sostanziale oltre che formale. Le regole vanno
rispettate perché spesso nella forma c’è la sostanza”.
Non è mancato, poi, il contributo della consigliera Luisa De Angelis: “ La politica è fatta di scelte
ed io sin dall’inizio non ho inteso disattendere l’impegno solenne che ho assunto con gli elettori
durante l’ultima campagna elettorale per le elezioni amministrative. Sin dal primo giorno ho
provato a far prevalere gli interessi della città chiedendo rispetto per gli impegni sottoscritti nel
programma elettorale ma tutto sin da subito è stato disatteso. Sono mossa dalla passione per la
politica e voglio solo che venga ristabilita la verità in modo da poter portare la nostra città ad
essere il comune capofila del nostro comprensorio. I giovani, il turismo, il commercio, lo sport
devono essere il nostro faro e dovrebbe essere interesse di tutti i consiglieri comunali lavorare per
il bene comune, se bene purtroppo per la nostra Pompei ad oggi così non è stato.”
La conclusione dei lavori si è avuta con la dichiarazione di Mimmo Di Casola candidato sindaco
alle ultime elezioni comunali, il quale dopo aver brevemente illustrato tutte le iniziative politiche
ed amministrativa del gruppo consiliare di opposizione ha affermato: “ le forze politiche
alternative all’attuale amministrazione oggi rappresentano la maggioranza dei cittadini poiché
abbiamo avuto la scelta di diversi movimenti che si sono uniti a noi dopo aver sostento a
settembre scorso l’attuale sindaco. Dopo circa un anno non è più possibile sostenere il duo Lo
Sapio-La Marca poiché adottano un metodo di governo molto discutibile e non rispettoso delle
regole. Noi siamo per una Pompei capitale culturale in cui le nostre straordinarie risorse culturali,
turistiche ed ambientali vengano adeguatamente valorizzate e messe a disposizione di tutti i
cittadini, con scelte di politica urbanistica in linea con le esigenze di sviluppo economico della
città.”
Alla fine dei lavori tutti i componenti, in rappresentanza delle liste e dei movimenti, si sono dati
appuntamento per la stesura di un programma di iniziative e manifestazioni tematiche al fine di
coinvolgere e rendere partecipe la cittadinanza delle problematiche che questa
amministrazione, senza alcuna preoccupazione, sta facendo vivere ad ogni singolo pompeiano.