Angri. Strade insicure e viabilità: è dibattito politico

Angri. Strade insicure e viabilità al centro dell’attenzione social. Non sfugge il discutibile stato delle strade cittadine

Angri Via Crocifisso
Angri Via Crocifisso
Revolution Slider ERRORE: Slider with alias slider-straordinaria not found.
Maybe you mean: 'sidebarhome' or 'bannerhome01' or 'homeunder' or 'banner-home-fondo' or 'slider-2-box' or 'Fondazione-Doria'

Angri. Strade insicure e viabilità: è dibattito politico

Strade insicure e viabilità al centro dell’attenzione social. Non sfugge il discutibile stato delle strade cittadine che in questi giorni sono oggetto di ripavimentazione a opera dei gestori delle reti dopo lavori di ammodernamento dei sotto sevizi che da qualche anno stanno interessando la città. È polemica per il mancato completamento di un tatto in Via Crocifisso per altro ripavimentato ben due volte in pochi mesi, infatti un tratto è stato “saltato” forse per motivi di manutenzione lasciando una toppa fresata sulla strada, ma a destare clamore e il rifacimento della segnaletica sul tratto e stata rifatta la striscia longitudinale laterale non tenendo minimamente contro del tratto ancora da terminare.

Incroci e strade pericolose

Altri cittadini chiedono a gran voce la messa in sicurezza dell’intersezione tra Via Papa Giovanni XXIII, Via Delle Fontane e Via Crocifisso teatro di numerosi incidenti stradali. Nelle intenzioni del sindaco Ferraioli, almeno fino a qualche anno fa, c’era la progettazione di una maxi rotatoria, ma terminata la campagna elettorale non si è saputo più nulla e sulla zona si registrano trasgressioni anche verso il cavalcavia di Via Delle Fontane, inibito ai mezzi pesanti in entrambi i sensi di marcia. Senza controlli è facile trasgredire. Analoga la situazione in via Adriana dove le auto sfrecciano a grande velocità, anche in quel tratto si sono registrati numerosi incidenti e anche qualche vittima. Situazione simile in Via Nazionale.
Le parti politiche invocano una revisione del piano urbano del traffico, da decenni ostaggio di procedimenti burocratici e volontà più o meno politiche e tecniche.

D’Auria: “Necessario un piano traffico”

“Negli ultimi anni il carico urbanistico e il conseguente aumento demografico della nostra città ha fortemente influito sulla nostra viabilità rendendoci spesso prigionieri del traffico e del suo smog. L’alta densità di veicoli che transitano sulle nostre strade le rendono spesso anche pericolose. Non è più rinviabile la necessità di redigere un PUM che nel nostro comune risale a diversi decenni fa mentre tutto è cambiato. La carenza di personale presso il comando di polizia locale e le zero risorse destinate alla messa in sicurezza delle strade dal punto di vista della segnaletica verticale e orizzontale degli ultimi anni aggravano ancora di più una situazione al limite della normalità. Il clima di anarchia vissuto, poi, specialmente durante le ore serali e notturne fanno della nostra città ‘terra di nessuno’” dice il consigliere Domenico D’Auria.

La proposta di Ciro Calabrese

Per i migliorativi alla sicurezza stradale arriva una proposta anche dalla maggioranza. Il consigliere comunale Ciro Calabrese della lista “Cosimo Ferraioli Sindaco” fa una proposta che potrebbe suscitare interesse: “Chiederò nella riunione di maggioranza, nelle prossime ore, che le risorse disponibili derivanti dalla convenzione delle strisce blu siano destinate, se possibile, alla costruzione di rotatorie e in generale alla messa in sicurezza stradale”.

RePol