Scafati. Il Cimitero Comunale sopravvive, ma il personale è sempre meno

Prossima all'esternalizzazione del servizio di guardiania ad una società di vigilanza privata, il Cimitero continua a vivere senza professionalità specifiche amministrative.

Il Cimitero Comunale di Scafati continua a sopravvivere aspettando le nuove assunzioni che dovrebbero portare ad un nuovo responsabile di settore e ad un direttore cimiteriale. Nella Scafati in assenza di personale, i servizi al cittadino si rendono sempre meno efficienti oppure quasi inesistenti, anche quando si parla del riposo eterno dei suoi residenti. Il Cimitero di Viale delle Glorie ne è infatti uno degli esempi più rappresentativi, con i cittadini che reclamano una sua riqualificazione al più presto, dalla guardania alla manutenzione. La vigilanza al momento è compito di una sola persona che eroicamente mantiene aperto il sito di interesse, ma è una situazione che medio periodo è destinata ad esplodere. La risposta dell’amministrazione Salvati e del delegato assessore alle politiche cimiteriali Raffaele Sicignano è ormai diventata quella dell’esternalizzazione, scelta obbligata viste le difficoltà economiche di reperire internamente personale dovute al Piano di Riequilibrio Pluriennale. Una soluzione che è stata trovata anche sulla manutenzione, con gli scorsi mesi che hanno visto passare in consiglio comunale una delibera con la quale si è impegnato di fatto l’Acse nella gestione del servizio di manutenzione del luogo cimiteriale. La popolazione sui social però continua a lamentare uno stato non perfetto del Cimitero Comunale, che per tantissimi mesi è stata oggetto di tantissimi attacchi vandalici e piccoli furti, nonché luogo di ospitalità per la formazione di microdiscariche di materiali speciali da parte di infelici abitanti. “Stiamo provando a mantenere la situazione del Cimitero Comunale a livelli comunque degni per la cittadinanza nonostante la mancanza totale di fondi a disposizione.” Spiega l’assessore alle politiche cimiteriali Raffaele Sicignano che illustra così il sensibile piano di intervento dell’amministrazione:” Siamo al momento alla ricerca interna di un responsabile di settore ad hoc dopo l’addio dell’ex Anna Sorrentino, così come cerchiamo ancora un direttore cimiteriale. Se la seconda necessità sembra difficile da percorrere per via della mancanza di fondi a disposizione per l’assunzione di una figura completamente nuova, la prima potrà magari essere ovviata nelle prossime settimane internamente se qualche dipendente con competenze minime di fascia C vorrà venire incontro alle richieste amministrative.”.