Scafati. Stazione Circum allagata, Russo: “Progetti impantanati”

Scafati. Piove e la stazione si allaga, e non è la prima volta, inevitabile l’interruzione della tratta ferroviaria, partenze soppresse e inevitabili ritardi

Scafati allagamento Stazione Circumvesuviana Foto Repubblica
Scafati allagamento Stazione Circumvesuviana Foto Repubblica

Scafati. Stazione Circum allagata, Russo: “Progetti impantanati”

Piove e la stazione si allaga, e non è la prima volta, inevitabile l’interruzione della tratta ferroviaria, partenze soppresse e inevitabili ritardi. Il maltempo che ha interessato la Campania nelle prime ore del giorno, ha creando forti problemi ai pendolari dei treni della Circumvesuviana. L’Ente Autonomo Volturno ha annunciato: “causa allagamento della stazione di Scafati, al momento la circolazione sulla tratta Pompei santuario – Poggiomarino è interrotta. I treni in programma da Poggiomarino partono da Pompei”. Treni di “punta” soppressi alle 6.49 da Scafati verso Poggiomarino e quello delle 8.04 sulla tratta inversa. Cancellati anche i convogli delle 7.47 in partenza da Napoli verso Poggiomarino e quello delle 9.16 diretto da Poggiomarino a Napoli. Soppressione anche per i treni delle 8 che da Napoli era diretto a Sorrento e quello programmato alle 10 da Sorrento verso il capoluogo campano.

Banner Animato Conncetivia

Guarda anche VIDEO – Scafati. Soppressione corse Circum parla Michele Russo

Le considerazioni del consigliere comunale Michele Russo

“Una delle poche certezze della vita scafatese. Nel frattempo gli studi sul Grande Progetto Sarno e tutto il resto sono impantanati da anni. Opere che non partono o procedono a rilento. La stessa rete fognaria di Scafati è oggetto di varianti strane e non tecnicamente comprensibili. L’eliminazione delle vasche senza giustificazione ed alternativa tecnica è pressappochismo per non dire altro” dice il consigliere di “Insieme per Scafati” Michele Russo a proposito degli allagamenti, ormai sempre più frequenti, che interessano pure la stazione di Via Martiri D’Ungheria.

Aldo Severino