Pompei. L’amministrazione comunale introduce il Daspo Urbano per assicurare la sicurezza nel centro cittadino.

Pompei. L’Arcivescovo visita alle comunità parrocchiali

 

E’ stato fatto in giunta amministrativa del Comune di Pompei il primo passo verso l’approvazione del Daspo urbano,  provvedimento annunciato nei giorni scorsi dal sindaco Lo Sapio allo scopo di difendere il decoro e la sicurezza nella città di Pompei. Daspo urbano è  Acronimo di Divieto di accedere a manifestazioni sportive, titolo della legge n. 401 del 13 dicembre 1989, finalizzata a contrastare la violenza negli stadi ora esteso ad altri luoghi (come piazz) per motivi di ordine pubblico. Sono divieti prescritti a chi spaccia o commette reati in una zona o in un locale, verrà vietato di frequentarli. Utilizzare il cosiddetto “daspo urbano” – ossia il provvedimento mutuato dall’ambito sportivo, che impone a una persona di stare alla larga da una precisa zona per un determinato lasso di tempo. La proposta di istituzione del provvedimento con cui il Sindaco di Pompei in collaborazione con il Prefetto di Napoli può multare e poi stabilire un divieto di accesso ad alcune aree della città per chi “ponga in essere condotte che limitano la libera accessibilità e fruizione” di infrastrutture di trasporto (strade, piazze ferrovie etc etc, è arrivata ieri in giunta incassando il via libera e verrà, posta all’attenzione del consiglio comunale già nella prossima riunione. Per attuarlo, serve infatti una modifica al regolamento di Polizia Urbana. “Considerato che – si legge nella delibera di giunta- anche in ragione degli episodi di violenza dell’ultimo periodo risulta necessario individuare aree del centro cittadino, dove l’utilizzo degli strumenti cui alla legge n° 48/2017, cosiddetto Daspo Urbano, consente di tutelare ulteriormente l’esigenza di sicurezza, tranquillità e il diritto alla libera fruizione degli spazi pubblici”.

Il sindaco Carmine Lo Sapio, propone, dunque, di dare indirizzo al Dirigente del IV Settore per predisporre le necessarie modifiche al vigente Regolamento di Polizia Locale, approvato con delibera del Consiglio Comunale del 14/11/2000.