Angri. Maltempo: l’albero caduto, un avvertimento della natura?

Angri. La caduta dell’albero lungo la strada di Via Monte Taccaro, qualche giorno fa, è un chiaro segno di un territorio seriamente malato

Angri Albero caduto in via Monte Taccaro
Angri Albero caduto in via Monte Taccaro

Angri. Maltempo: l’albero caduto, un avvertimento della natura?

Le conseguenze della protratta emergenza meteo. La caduta dell’albero lungo la strada di Via Monte Taccaro, qualche giorno fa, è un chiaro segno di un territorio seriamente malato, di un parco arboreo bisognoso di manutenzione e cure. Le politiche ambientali in questa doppia emergenza legata al COVID, e agli sconvolgimenti climatici accentuati dal disordine urbanistico dell’ultimo mezzo secolo, possono ritenersi insufficienti nell’attuazione delle misure di tutela e salvaguardia del territorio.

Guarda anche VIDEO – Angri. Salerno. Sui luoghi della frana. Le immagini choc

Due pericolose emergenze idrogeologiche

Un territorio, quello angrese, stretto nella morsa di due pericolose emergenze idrogeologiche che ormai si possono definire croniche: a valle i fenomeni alluvionali dei campi e le abitazioni in via Orta Longa legati ai corsi d’acqua affluenti del Fiume Sarno (Alveo Comune Nocerino); a monte, nell’area pedemontana di Casalanario, la pericolosa situazione legata ai fenomeni franosi legati all’Alveo Sant’Alfonso. Non è chiaro se l’amministrazione Ferraioli abbia un programma di lungo termine di salvaguardia del territorio ma misure stringenti e indispensabili sono improcrastinabili. Sono necessarie chiare risposte circa il possibile ripristino e la tutela dei luoghi interessati dai fenomeni calamitosi sempre più frequenti e invasivi che interessano sempre maggiormente il tessuto urbano.

La cura del verde e del parco arboreo

Tornando alla cura del verde urbano e chiaro che la mancanza di fondi per il recupero e la salvaguardia del parco arboreo sarebbe, comunque, strettamente legata “al recupero di risorse finanziarie per coprire la voragine provocata dai debiti fuori bilancio accumulata negli ultimi anni dai servizi sociali” come evidenziano da palazzo di città. Un cane che si morde la coda tanto per usare un eufemismo.

Luciano Verdoliva