Angri. Strisce blu: OK sosta a persone con disabilità

Angri. Sarà consentita gratuitamente la sosta ai veicoli al servizio di persone con disabilità, titolari di contrassegni speciali nelle aree di sosta o parcheggio a pagamento

Angri strisce blu
Angri strisce blu

Angri. Strisce blu: OK sosta a persone con disabilità

Sosta a persone con disabilità. Sarà consentita gratuitamente la sosta ai veicoli al servizio di persone con disabilità, titolari di contrassegni speciali nelle aree di sosta o parcheggio a pagamento qualora risultassero già occupati o indisponibili gli stalli a loro riservati e questo deve avvenire nelle immediate vicinanze della sosta programmata. Questo in sintesi il contenuto della nota di risposta del Gruppo Gallo, ai solleciti del Settore U.O.C. Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio del comune di Angri.

Banner Animato Conncetivia

La precisazione del Gruppo Gallo

Il Gruppo Gallo, gestore concessionario delle aree di sosta cittadine, precisa che l’attuazione legislativa entrerà in vigore dal prossimo 1° gennaio 2022. La stessa società di gestione mette in evidenza che nell’eventualità dell’attuazione normativa “derivino minori entrate per il bilancio degli enti locali, attestate dall’organo competente, gli enti stessi possono provvedere a rivedere le tariffe per la sosta o il parcheggio nelle aree a pagamento, al solo esclusivo fine di compensare le predette minori entrate”.

Censimento dei beneficiari della “sosta speciale”

Il Gruppo Gallo, che mediante la sua controllata “AngriPark”, che controlla da un anno la sosta cittadina ha chiesto, al Settore U.O.C. Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio, anche i dati dei beneficiari dei contrassegni speciali per potere adottare le necessarie misure organizzative per il controllo della sosta e valutarne l’impatto sull’equilibrio economico e finanziario della concessione in corso, tenendo conto che la stessa onera le amministrazioni comunali di adottare le necessarie modifiche tariffarie a controbilanciare le eventuali perdite riscontrate nell’applicazione della normativa.
Aldo Severino