Pompei. Il nuovo consiglio comunale slitta al 13 gennaio per il Covid

Pompei. Il nuovo consiglio comunale slitta al 13 gennaio per il Covid

Il virus Covid 19 ha lasciato Palazzo De Fusco uscendo dal portone padronale rientrando qualche mese dopo dall’ingresso di servizio, mettendo in difficoltà l’operatività della politica pompeiana e la burocrazia interna, oltre all’ordine pubblico dove si registra l’assenza cronica di vigili urbani. A quanto pare non serve cambiare le serrature per lasciare il Covid fuori dal Palazzo. Il Comune di Pompei dopo essere rimasto per alcune settimane privo delle presenze apicali di Sindaco e Presidente del consiglio a causa della pandemia ricade per la seconda volta nell’emergenza sanitaria causata dal contagio di due elementi della segreteria del sindaco. “Visto il protrarsi dello stato di emergenza sanitaria derivante dall’aggravarsi dei contagi da covid – 19 che ha convolto il personale dipendente dell’Ente Comunale e l’assemblea consiliare, il presidente del consiglio Comunale, Giuseppe la Marca ha deciso di rinviare l’assise, fissata preventivamente per il 29 dicembre, a giovedì 13 gennaio 2022”. Ne consegue che i pompeiani dovranno frenare la loro curiosità per sapere dal dibattito innescato dall’interrogazione (oramai rituale) del consigliere comunale Domenico di Casola come sono andate effettivamente le cose Tra Governo e Rfi da una parte e il Comune di Pompei (rappresentato da uno studio internazionale di architetti) sul progetto definito le l’Hub ferroviario su cui, nonostante l’ampia documentazione epistolare circolata a riguardo, restano ancora troppi lati oscuri

Banner Animato Conncetivia