Pompei. Il Servo di Dio Francesco Saverio Toppi è Venerabile

Un annuncio di gioia per la Chiesa di Pompei informa che questa mattina Papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del Decreto riguardante le virtù eroiche di Monsignor Francesco Saverio
Toppi, religioso dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini e Arcivescovo-Prelato di Pompei dal 1990 al 2001, al quale da oggi, con la decisione del Santo Padre, è riconosciuto il titolo di Venerabile. Il 2 aprile 2014, nel settimo anniversario della morte del Prelato che ha lasciato un ricordo indelebile nella memoria dei devoti della Madonna di Pompei, fu introdotta la
fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione che si concluse il 13 ottobre 2016. L’iter è poi proseguito presso la Congregazione delle Cause dei Santi fino all’odierno passo verso l’ascesa del Servo di Dio all’onore degli altari.
Nato a Brusciano (NA) il 26 giugno 1925, Vincenzo (questo era il suo nome di battesimo) Toppi, all’età di quindici anni, il 2 ottobre 1940, divenne novizio cappuccino con il nome di fra Francesco Saverio. Dopo la formazione, il 7 luglio 1946,
emise la solenne professione religiosa e il 29 giugno 1948 fu ordinato sacerdote. Nel luglio 1959 padre Francesco Saverio fu eletto Ministro Provinciale dei Cappuccini di Napoli, ruolo che rivestì ancora nel ’62 e nel ’65. Nel suo ministero di guida dei frati si affidò totalmente allo Spirito Santo. Da
autentico figlio di San Francesco d’Assisi, il suo programma per la Provincia religiosa era incentrato sul primato della vita interiore attraverso la preghiera, la mortificazione e l’osservanza della Regola. Nel 1971 fu nominato Provinciale dei Cappuccini di Palermo
e restò in carica fino al 1976, quando fu eletto Definitore Generale dell’Ordine. Nell’agosto 1983 fu nominato Superiore della comunità cappuccina e Maestro dei chierici a Nola.
San Giovanni Paolo II, il 13 ottobre 1990, lo nominò Arcivescovo Prelato di Pompei e Delegato Pontificio del Santuario fondato dal Beato Bartolo Longo. Il 7 dicembre 1990, a Pompei, con l’Ordinazione Episcopale ebbe inizio il servizio pastorale nella città mariana, che durò fino al 7 aprile 2001. Furono anni intensi di preghiera e predicazione nei quali Monsignor Toppi fu buon Pastore per i pompeiani ed i pellegrini che ebbero occasione di ascoltare la sua parola calda e dallo stile
autenticamente francescano. « La sua anima intera – ricordò l’Arcivescovo Prelato, Monsignor Tommaso Caputo, in occasione dell’apertura dell’inchiesta diocesana –
passava in quella della folla per farla crescere, amare, sperare con lui. La sua parola si impregnava di tale tenerezza, dolcezza soave e penetrante unzione che era impossibile rimanere freddi ascoltandolo. Si percepiva non semplicemente il predicatore, ma​
un’anima tutta imbevuta di fede e di amore. Si aveva l’impressione di essere alla presenza di una delle grandi figure bibliche che parlavano agli uomini il linguaggio dei profeti ». L’amore per la Madonna lo contraddistinse in tutta la sua esistenza ed è proprio
alla Vergine che Monsignor Toppi si rivolse nel comporre la “Preghiera della Chiesa di Pompei”, recitata ancora oggi, quotidianamente, in Santuario. « O Maria – scrisse tra l’altro in quell’orazione, mirabile sintesi dei carismi della Chiesa pompeiana – ottienici col tuo Rosario di contemplare, vivere e irradiare nel mondo intero il Mistero di Cristo
Gesù e la Grazia della Comunione Trinitaria. Vergine Orante! Insegnaci a pregare, ad accogliere e meditare la Parola di Dio. Fa’ che con i Misteri del Rosario impariamo a contemplare ed a stupirci dinanzi alle meraviglie che opera il Signore. Aiutaci a vivere il
Vangelo della carità con gli ultimi e gli emarginati, con i poveri e i sofferenti. Che la Chiesa sia un cuor solo e un’anima sola… Madre della Chiesa e dell’umanità!
Comunicaci lo slancio missionario del tuo Cuore per la nuova evangelizzazione e
spingici per le strade del mondo a gridare il Vangelo con la vita sulle orme del Beato
Bartolo Longo ». La sua opera pastorale a Pompei si contraddistinse ugualmente per la
premura che egli ebbe per le opere di carità fondate dal Beato Bartolo Longo a sollievo
di tante povertà, in particolare a servizio di orfani e figli dei carcerati.
Al termine del suo mandato episcopale, dopo due anni trascorsi ancora a Pompei,
dove poté godere anche dell’Anno del Rosario (2002 – 2003), voluto da San Giovanni
Paolo II per il rilancio di questa preghiera proprio nel segno del carisma della città
mariana, si trasferì nel convento dei frati Cappuccini a Nola, dove si spense il 2 aprile
2007.
Ebbe numerosi incontri con persone di profonda interiorità e santità di vita, che ne
influenzarono il cammino spirituale. In particolare fu significativo il suo incontro con
San Pio da Pietrelcina e con la Serva di Dio Chiara Lubich, fondatrice del Movimento
dei Focolari. Di quest’ultima condivise la spiritualità dell’unità, coniugandola
armonicamente con la sua spiritualità francescana. Di innumerevoli anime fu direttore
spirituale. Spiccano tra esse Silvestra Tirri, laica, docente, totalmente immersa nel
Mistero della Trinità, e la Serva di Dio Nina Lanza, anche lei di Brusciano, terziaria
francescana. Il Diario di Monsignor Toppi contiene pagine di altissimo livello mistico,
pregne di un’esperienza di Dio che lo portò talvolta – com’egli stesso dice – a “ toccare il
cielo ”, non senza profonde prove interiori che lo purificarono e lo condussero ai vertici
della comunione con Dio.
La Chiesa di Pompei, nel ricordo costante del novello Venerabile, eleva
un’incessante preghiera al Signore affinché conceda di vedere presto annoverato tra i
Beati questo fedele discepolo di San Francesco così devoto alla Madonna del Rosario da
aver scelto di riposare nella cripta del Santuario per fare – come scrisse – « da piedistallo
al trono della Santissima Vergine ».