Nocera Inferiore. Verso il voto: la nota di Federica Fortino

Nocera Inferiore. L'attuale vice sindaco Federica Fortino con una nota stampa fa alcune precisazioni e risponde al candidato sindaco Antonio Romano

federica fortino
federica fortino

L’attuale vice sindaco Federica Fortino con una nota stampa fa alcune precisazioni e risponde al candidato sindaco Antonio Romano.

La nota

Anche se in campagna elettorale, perché di questo stiamo parlando, ci sono situazioni e dichiarazioni a cui non andrebbe data alcuna risposta, il ruolo istituzionale mi impone di non tacere, per il rispetto dovuto ai miei concittadini. Le dichiarazioni rilasciate dall’ avvocato Romano, che si propone di guidare una coalizione “variopinta”, imputano l’attuale governo cittadino di confusione, inefficienza e incapacità amministrativa e, non da ultimo, di aver interrotto il percorso di crescita da lui avviato.

L’ Amministrazione della quale io faccio parte, nel ruolo di vice sindaco, al contrario da quanto affermato, si è caratterizzata per la correttezza politica, amministrativa e soprattutto finanziaria, visto la spada di Damocle del dissesto economico dell’ ente, a seguito delle gravose esposizioni finanziare a cui il comune era esposto (e di certo non imputabili a questo governo cittadino)

Questa Amministrazione, dove il Partito Democratico, che mi onoro di rappresentare, ha avuto e continuerà ad avere un ruolo politico ed amministrativo fondamentale, tanto ha fatto e sicuramente continuerà a fare per competenza lealtà e rispetto dei cittadini di Nocera. Va da se che nonostante il livore e la frustrazione politica di molti, il dinamismo e la capacità politica ed amministrativa dell’ amministrazione e degli esponenti del Partito Democratico ha fatto si che si raggiungessero risultati importanti.

Dopo il completamento dei lotti del sistema fognario riguardante il centro della città, si è riusciti ad ottenere ulteriori fondi per quello che riguarderà l’area di Fosso Imperatore dove, finalmente, gli imprenditori dell’area industriale avranno la disponibilità di un sistema fognario quale servizio essenziale per le loro attività.

E’ stato avviato il processo, grazie ai finanziamenti regionali ottenuti dall’ ACER, di rilancio dell’ edilizia residenziale popolare in zona Montevescovado, con l’avvio della riqualificazione, degli alloggi di edilizia popolare presistenti; si è riusciti, dopo l’incremento di oltre 20 punti percentuali della raccolta differenziata, grazie ad una proficua collaborazione istituzionale con gli enti preposti (EcoAmbiente), a ridurre i costi per il conferimento dell’ umido e del vetro con il risultato che la prossima tariffazione prevederà un risparmio per i nostri cittadini.

Sempre grazie ai fondi ottenuti, per merito della chiarezza e della correttezza della nostra attività amministrativa e del ruolo politico fondamentale del Partito Democratico, si potranno avviare tutte le necessarie attività conseguenti che riguardano il miglioramento, e la fruibilità dei nostri siti storici e culturali (Castello Fienga e San Giovanni in Parco); non da ultimo, si stanno concludendo i lavori di riqualificazione del parcheggio di Via Canale, dopo quaranta anni.

Ecco la nostra “inadeguatezza e la nostra inefficienza amministrativa”. Quanto realizzato ha un solo fondamento: l’ assoluto rispetto del procedimento amministrativo e, soprattutto, l’ assoluta chiarezza della legittimità giuridica ed amministrativa degli atti prodotti (vedi vicenda Villa dei Fiori), dove il rispetto per tutti gli attori coinvolti è stato e deve essere certo e non lasciare spazio ad illusioni ed improvvisazione dalle conseguenze drammatiche.
Tutta la nostra attività amministrativa si è svolta e si svolgerà nell’assoluto rispetto di ciascuno; il tutto guardando in faccia la realtà e non inseguendo onde emozionali o populiste, che forse riempiono le pance ma certamente svuotano i cervelli.

Poi, per ulteriori elementi chiarificatori l’ avvocato Romano potrà tranquillamente rivolgersi a quanti, fino a poche ore fa sono stati componenti e sostenitori di questa amministrazione e che oggi, illuminati da un improbabile e quanto mai confuso spirito penitenziale, approderanno alla sua corte.