Pagani. Calce interviene su censura consiliare

Pagani. Nota di chiarimento del consigliere comunale e Presidente della Commissione Controllo e Garanzia Vincenzo Calce

Pagani. Vincenzo Calce
Pagani. Vincenzo Calce

Pagani. Calce interviene su censura consiliare

Pagani. Nota di chiarimento del consigliere comunale e Presidente della Commissione Controllo e Garanzia Vincenzo Calce circa quanto avvenuto in aula nella giornata di ieri durante la seduta dell’assise cittadina dove si sarebbe consumata una censura.

La nota di Calce

Voglio intervenire su quanto accaduto ieri in consiglio comunale. Solo così posso perché purtroppo ho dovuto lasciare l’aula anzitempo per motivi personali. Non è possibile che, ancora una volta, con metodi beceri, qualcuno cerca di ledere la democrazia, impedendoci di esprimere e svolgere la nostra funzione. L’invito a stare zitti da parte di un consigliere comunale, infatti, impedisce ogni forma di espressione democratica.

Tra l’altro è lo stesso consigliere comunale che impedisce la trattazione di argomenti importanti nella commissione di garanzia e controllo, bloccandone il regolare funzionamento da mesi, forse perché probabilmente a conoscenza di gravi omissioni e abusi perpetrati. Avrei voluto trattare nell’ultima commissione argomenti importanti , in particolare quello relativo alla sicurezza dei lavoratori nell’ente pubblico: adempimenti fermi da anni che espongono l’ente a gravi sanzioni penali e a rischio di a sospensione di un servizio essenziale da parte di organi di controllo. Purtroppo per tali inadempienze mi troverò costretto a denunciare agli organi preposti, non consentendo alla commissione di svolgere il proprio lavoro, non si fa altro che esporre l’ente a gravi irregolarità e i lavoratori al rischio di pericoli per la salute.

I documenti di valutazione dei rischi non risultano aggiornati da circa due anni e nessuna procedura sembra sia stata adottata, nonché alcun protocollo per ridurre la contaminazione da COVID. Erano per altro previsti degli aggiornamenti per il rischio di contagio, mai effettuati, inoltre le normative con gli ultimi aggiornamenti legislative siamo più rigorose.
Chiedo al presidente del consiglio d’intervenire, e inoltre, fino a quando non verrà ristabilito la regolarità nonché il rispetto dei ruoli, nei consigli non presenterò il codice etico. L’ invito è ai colleghi di leggerlo attentamente prima della sua approvazione. Chiederò di rimandare la sua approvazione fino a quando non verrà compreso il reale senso di un importante documento.

Vincenzo Calce – Presidente della Commissione Controllo e Garanzia