Il fenomeno “Povero gabbiano” non si ferma più

Povero gabbiano. Non accenna a diminuire il fiume d'interesse nato per caso e diventato il meme "Povero gabbiano" e che oramai conta milioni di condivisioni

Povero Gabbiano spopola Kodami
Povero Gabbiano spopola Kodami

Il successo di Gianni Celeste è in vetta a tutte le classifiche di canzoni più ascoltate in Italia.

Non accenna a diminuire il fiume d’interesse nato per caso e diventato il meme “Povero gabbiano” e che oramai conta milioni di condivisioni della canzone di Gianni Celeste Tu comm’a mme’.

Anche Gianni Morandi la canta


Se si pensa che anche Gianni Morandi, fresco del terzo posto al Sanremo con il brano scritto per lui da Jovanotti “Apri tutte le porte”, si è cimentato di recente a canticchiare sul suo profilo il ritornello oramai famoso, “Povero gabbiano”.
Tutti increduli e sorpresi, dagli autori del testo allo stesso Gianni Celeste, nel vedere come una canzone scritta e proposta al pubblico oltre 30 anni fa sia prepotentemente tornata in auge ed è ora sulla bocca di tutti, fino a diventare la canzone più ascoltata d’Italia.

Una bella melodia


E’ pur vero che in questi giorni si sta pensando ad altro, ma l’intensità della canzone è talmente coinvolgente che non si può far a meno di canticchiarla e di condividerla.
Una vera è propria ninna nanna con un intercalare malinconico che ha coinvolto milioni di utenti di Facebook, Instagram e Tik Tok.
E Gianni Celeste, pseudonimo di Giovanni Grasso nato a Catania, cantante neomelodico e interprete di ‘Tu comm’a mme’, il titolo da cui è tratto il verso “Povero gabbiano, hai perduto la compagna”, non può che essere contento di questo bagno di notorietà che lui già aveva ma che all’improvviso gli è ricaduto addosso e lo sta riempendo di gioia.Tu comm’a mme’ parla della fine di un’importante storia d’amore, in cui il cantante si paragona a un gabbiano solitario che si aggira sulla spiaggia, abbandonato dalla compagna.

I meme famosi

Il web non risparmia nulla e macina tutto, ora è toccato a un povero gabbiano finire nella gogna mediatica, non dimentichiamoci che poco tempo fa l’influencer senegalese naturalizzato italiano Khabi LameIl, il quale lavorava in uno stabilimento vicino a Torino come operatore di macchine di controllo numerico computerizzato prima di essere licenziato nel marzo 2020 , è stato definito dagli internauti un meme vivente con le sue espressioni imbattibili e che prendono in giro le tendenze sul web, diventando virale nonostante l’assenza di contenuti. Ora ha un patrimonio netto stimato in oltre 1,5 milioni di dollari.
È quello che con tutto il cuore auguriamo a Gianni Grasso in arte Celeste, che magari, con tutta questa notorietà e abbondanza, possa consolare con il suo brano tutti i “poveri gabbiani” che hanno perso la compagna e che soli e abbandonati la cercano e che mai più la ritroveranno.

Aldo Severino