FilandAut: da Sarno la sfida all’autismo

FilandAut: da Sarno la sfida all'autismo. Un percorso di consapevolezza e conoscenza, un cammino da fare insieme perché vi siano sempre spunti nuovi

FilandAut. Da Sarno la sfida all'autismo
FilandAut. Da Sarno la sfida all'autismo

FilandAut: da Sarno la sfida all’autismo

Un percorso di consapevolezza e conoscenza, un cammino da fare insieme perché vi siano sempre spunti nuovi per affrontare a 360 gradi la complessità dell’autismo. Le azioni messe in campo dal Polo Sanitario la Filanda, con la direttrice e amministratore unico Nilde Renzullo, il direttore generale Romeo Barbato e il solido, professionale e formato team di esperti sono le linee di un approccio multidisciplinare. Al centro i disturbi dello spettro autistico, ed intorno diagnosi, trattamento individuale, sostegno alle famiglie. E’ una rete coordinata che da anni segna una eccellenza non solo in Campania, ma tutto il territorio nazionale. Lo fa grazie a percorsi di formazione e aggiornamento, linee diagnostiche finalizzate all’individuazione precoce dei disturbi dello spettro autistico e l’attivazione dei processi di cura più adeguati.

Conncetivia voucher 2,5

La prima tappa

Sabato scorso è stata tracciata la prima tappa di quello che ogni anno è l’evento di sensibilizzazione FilandAut, con una serie di appuntamenti, fino al prossimo 2 aprile, Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo. Sabato il convegno “Identificazione Precoce dei Disturbi dello Spettro Autistico: strumenti per la presa in carico globale diagnostica e terapeutica”. Un appuntamento con la presenza di relatori illustri: Paola Aiello, Professore Ordinario “Didattica e Pedagogia Speciale” DiSUFF, Unisa; Carmela Bravaccio, UOSD di NPI – Dipartimento Materno Infantile e Scienze Mediche Transazionali, Unina; Virginia Cantalupo, Psicologa, Psicoterapeuta, BCBA; Costanza Colombi, Research Assistant Professor Università del Michigan, Formatore Certificato ESDM; Luigi Iovino, Ref. gruppo di progetto “Autismo e Analisi del Comportamento”, Ordine Psicologi Campania; Rosaria Ferrara, Psicologa Psicoterapeuta, Ph.D. UNIL, Presidente OISMA APS, Professore “La Sapienza” Roma; Mario Salsano, Pediatra ASL Salerno; Domenica Senatore, Uonpia 4, Salute Mentale; Rosamaria Siracusano, Dirigente Medico presso l’UOSD di Neuropsichiatria Infantile, Unina; Massimo Soldateschi, Pediatra Associazione Culturale Pediatri (ACP), Gruppo Salute Mentale.

Una campagna di sensibilizzazione

“Anche quest’anno abbiamo avviato la nostra campagna di sensibilizzazione, formazione ed informazione con FilandAut, che in realtà è tutto l’anno, ma intensifichiamo alcuni appuntamenti ed incontri avviandoci alla giornata del 2 aprile. I nostri obiettivi sono la comunicazione, l’interazione sociale, la partecipazione. – ha spiegato la dottoressa Renzullo – La strada che abbiamo sempre tracciato e percorso è quella che unisce alla ricerca scientifica e l’approccio scientifico, le attività di profonda valenza sociale e di visione di futuro per i giovani e le famiglie”. “Siamo al primo step, quello dedicato alla formazione – ha spiegato Santa Celentano, psicologa e psicoterapeuta – Quest’anno abbiamo deciso di prestare attenzione particolare alla tematica della diagnosi precoce. Trattamenti efficaci ed efficienti già a partire dai 12 mesi. Nell’arco di FilandAut ci saranno giorni dedicati ai genitori, incontri con esperti che risponderanno alle domande e le problematiche quotidiane che le famiglie affrontano. Il 1 aprile ci sarà un pomeriggio dedicato completamente allo sport. Attraverso i risultati ottenuti con i nostri progetti, dimostreremo e faremo toccare con mano come lo sport possa essere considerato strumento complementare alle attività riabilitative che facciamo”.

R.L.