La storia di Alina, profuga Ucraina scappata dall’ospedale di Ternopil (video)

La storia. Alina è arrivata in Italia con le ginocchia tremanti perché da giorni non riceveva la terapia salvavita che a causa dei continui “allarme bomba”

La storia di Alina, profuga Ucraina scappata dall’ospedale di Ternopil (video)

La storia di Alina, profuga Ucraina scappata dall’ospedale di Ternopil (video)

Conncetivia voucher 2,5

L’intervista ad Alina, profuga ucraina, scappata dall’ospedale di Ternopil. È arrivata in Italia con le ginocchia tremanti perché da giorni non riceveva la terapia salvavita che a causa dei continui “allarme bomba” gli ospedali non garantiscono più: la dialisi.

Alina è viva grazie alle cure dei medici del gruppo sanitario Nefrocenter, che ha garantito assistenza ai profughi ucraini in dialisi provenienti dalle zone di guerra.

In Ucraina ci sono 20mila dializzati e migliaia di trapiantati di cui nessuno conosce sorte.

L’intervista è di Lucia Trotta immagini Enzo Ciancio