Pagani. Bufera sulla SAM, la nota di Calce e Sessa

Pagani. Bufera sulla SAM, la nota di Calce e Sessa. I dubbi sulla gestione dell'azienda in house tra passato e presente

Pagani. Calce e Sessa
Pagani. Calce e Sessa

Pagani. Bufera sulla SAM, la nota di Calce e Sessa

Pagani. Bufera sulla SAM, la nota di Calce e Sessa. I dubbi sulla gestione dell’azienda in house tra passato e presente.

La Nota

Abbiamo letto con grande attenzione la nota della consigliera Enza Fezza che, tecnicamente, ha spiegato quanto sta accadendo all’azienda speciale SAM e ha fatto capire quanto non reggano le dichiarazioni mendaci di un sindaco che sta facendo del piagnisteo il suo stile di vita. A noi sorgono, però, in questo momento, alcuni dubbi forti che intendiamo sollevare per comprendere. Perché sinceramente davvero non riusciamo a capire.

Gli strali

Ma il sindaco quando lancia strali e accuse sottili sulla gestione passata non fa nomi perché ha paura di tirare in ballo i componenti della sua stessa maggioranza che hanno fatto parte dell’amministrazione Bottone? Il sindaco ricorda che l’assessore che ha creato Aspa oggi SAM tracciandone l’indirizzo e’ il suo presidente del consiglio comunale? E il gruppo che ha fondato Aspa oggi SAM perché ascolta ma fa finta di non ascoltare? Come mai non spiega al sindaco le scelte sul metodo di raccolta che furono fatte? Perché non spiega che gli unici due sequestri ci sono stati in era Bottone e in era De Prisco e i motivi per cui ci sono stati? Perché forse ormai tutti sono tesi a curare i propri orticelli a discapito della città? Forse un ruolo o un’elezione vale la dignità delle scelte passate di un amministratore? Dubbi esistenziali che forse non saranno mai sciolti.

Dubbi che sussistono davanti a un dato di fatto incontrovertibile: la città è sporca. Potete addurre tutte le motivazioni possibili e immaginabili ma Pagani è invasa da immondizia. Cumuli di sacchetti ovunque a cui si aggiungono strade sporche, verde alto, piazzette e Villa comunale nel degrado, sosta selvaggia e chi più ne ha più ne metta. Fallimento assoluto e totale, nel silenzio complice di chi si è venduto per un posto al sole.

I consiglieri comunali Vincenzo Calce Anna rosa Sessa