Napoli. Policlinico Vanvitelli. Trattamento scoliosi eta’ pediatrica, interventi innovativi

Napoli. Policlinico Vanvitelli. Trattamento della scoliosi in eta’ pediatrica: eseguiti i primi interventi utilizzando moderni sistemi a protezione delle funzioni neurologiche

Napoli Policlinico Vanvitelli
Napoli Policlinico Vanvitelli

Napoli. Policlinico Vanvitelli. Trattamento scoliosi eta’ pediatrica, interventi innovativi

Policlinico Vanvitelli. Trattamento della scoliosi in eta’ pediatrica: eseguiti i primi interventi utilizzando moderni sistemi di navigazione e dì monitoraggio per proteggere le funzioni neurologiche. Pazienti dimessi in meno di una settimana.

Banner Animato Conncetivia

Eseguiti, presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” di Napoli, i primi quattro interventi di severa scoliosi in età pediatrica.

I quattro distinti pazienti, provenienti dalla Campania, Sardegna, Liguria ed Abruzzo, presentavano una condizione patologica considerata grave: in particolare sono state diagnosticate una scoliosi idiopatica dell’adolescente di 70 gradi toracica, due deformità scoliotiche del rachide toracolombare intorno ai 60 gradi e una deformità lombo-pelvica con agenesia del sacro.

I giovani pazienti

I giovani pazienti, operati dal team guidato dal professore Enrico Pola e dal dottor Luigi Nasto dell’ U.O. di Ortopedia e Traumatologia (Direttore Prof. Schiavone Panni) dell’ A.O.U. Luigi Vanvitelli (Direttore Generale Antonio Giordano), sono stati dimessi in sei giorni.

La qualità assistenziale

“La Ricerca, la tecnica, l’innovazione, il lavoro di squadra, anche in tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, rappresentano il motore vincente della buona sanità. Mi congratulo con il team che ha eseguito gli interventi di alta specializzazione confermando la qualità assistenziale del Policlinico”, dichiara Antonio Giordano, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Luigi Vanvitelli.

“L’intervento chirurgico consiste nell’impianto di viti peduncolari nelle vertebre coinvolte dalla scoliosi cosi’ da avere un buon controllo della deformità. Si ottiene la correzione dopo aver seguito tagli sull’osso chiamate osteotomie e mediante il successivo inserimento di barre in metallo – collegate alle viti precedentemente inserite – spiega il professore Enrico Pola, Chirurgo Ortopedico, e continua.

“Grazie ad una collaborazione mutidisciplinare, l’intervento si esegue con un costante controllo della funzione neurologica con potenziali evocati intra-operatori: questa moderna metodica permette di aumentare notevolmente la sicurezza di questo tipo di interventi e di scongiurare danni talvolta irreversibili sul midollo spinale”, conclude il professore.

*La scoliosi è una curvatura anormale della colonna vertebrale. I casi gravi comportano una forte limitazione per le attività quotidiane, una patologia invalidante che necessita d’intervento chirurgico. Negli ultimi anni, le tecniche chirurgiche, nell’ambito delle patologie vertebrali, hanno registrato una vera e propria rivoluzione. Le moderne tecniche chirurgiche permettono un più rapido recupero post-operatorio dei giovani pazienti e un veloce ritorno a una vita normale e attiva.