Scafati. Il primo maggio festa al real polverificio Borbonico (video)

Scafati. Il Real Polverificio Borbonico si prepara a ospitare per il primo Maggio una rassegna artistica

Scafati. Il primo maggio festa al real polverificio Borbonico (video)

Banner Animato Conncetivia

Il Real Polverificio Borbonico si prepara a ospitare per il primo Maggio una rassegna artistica promossa dall’associazione ARCI Cortocircuito con il patrocinio materiale del Comune di Scafati. Continuano le iniziative sotto la supervisione del Nucleo di Riqualificazione del Polverificio Borbonico guidate dal presidente Espedito De Marino e accompagnate dall’assessore alla cultura Nunzia Di Lallo.

Un laboratorio d’idee

Il binomio esperti – amministrazione nasce lo scorso anno per riuscire a produrre un laboratorio d’idee e una cabina di regia specifica per la gestione del bene culturale che incide nel grande ragionamento del Parco Archeologico di Pompei, rimasto abbandonato negli ultimi anni. Degrado e mancanza di personale sono ormai da anni a farla da padrone, e attendendo un masterplan specifico sul recupero del bene, gli addetti ai lavori si stanno impegnando al massimo per rimanere attivo il sito attraverso iniziative costruite dal basso e dalla cittadinanza. È il caso dell’evento che si terrà la prossima Domenica 1 Maggio in occasione della Festa dei Lavoratori, quando andrà in scena l’evento “Scafati. Cultura. Lavoro” curata dall’associazione ARCI Cortocircuito. I ragazzi di via Roma 13 hanno organizzato un vero e proprio “concertone”, con esibizioni sul palco di artisti e gruppi di ballo giovani e del territorio, per mandare un segnale chiaro al territorio.

Coppa: “I giovani sono una risorsa infinita”

“I giovani in questo territorio esistono e sono una risorsa infinita” spiega Lorenzo Coppa, presidente del Cortocircuito “Il primo maggio presenteremo un concertone che inizierà alle 15 e si concluderà alle 23, inoltre avremo anche un’area dedicata a mostre curate da alcune scuole della città e da giovani artisti del territorio.”

Il servizio è di Alfonso Romano