Scafati. Critica l’operato dei dipendenti: è scontro tra la CGIL FP e l’assessore Gennaro Avagnano

“Alcuni trovano un problema ad ogni soluzione”, con queste parole sui dipendenti comunali l'assessore del comune di Scafati Gennaro Avagnano ha iniziato un vero e proprio botta e risposta con la Cgil, a difesa dei lavoratori

Scafati comune
Scafati comune

E’ scontro tra sindacati e politica sulle ultime dichiarazioni arrivate dalla Giunta Salvati, al centro delle polemiche l’impegno dei dipendenti comunali. Non sono parole dolce quelle utilizzate dal coordinatore provinciale degli enti locale CGIL FP Alfonso Rianna, che sui social critica aspramente le dichiarazioni dell’assessore Gennaro Avagnano. Alle parole di quest’ultimo che alludono a difficoltà per la macchina comunale perché “Alcuni trovano un problema ad ogni soluzione”, Rianna risponde in maniera categorica:” Esternare critiche social, sui Responsabili di settore che fanno salti mortali per erogare i servizi alla citadinanza, con pochissime risorse umane, che tra l’altro hanno un carico di lavoro triplicato rispetto a 10 anni orsono, è un atto inaccettabile che mortifica le professionalità delle maestranze e che rispediamo al mittente senza se e senza ma” sono alcune delle sue parole contenute nelle dichiarazioni anch’esse social pubblicate ieri pomeriggio. Il riferimento territoriale della funzione pubblica Cgil richiederà quindi un incontro al più presto con il Sindaco di Scafati Cristoforo Salvati e con l’assessore al Personale Nunzia Di Lallo per chiarire la situazione e far in modo che il resto della Giunta di Palazzo Mayer si dissoci dalle posizioni e dalle parole espresse da Avagnano. Per i dipendenti comunali la settimana è iniziata del resto sotto il segno della riflessione e delle rivendicazioni, con l’incontro pubblico nella Sala Consiliare della Biblioteca Francesco Morlicchio della Cgil FP svoltosi con la presenza del membro di segreteria nazionale Antonio Santomassimo. All’interno dell’assemblea si è discusso dei nuovi obiettivi del sindacato alla luce delle ultime elezioni dell’Rsu, ma al centro degli interventi sono tornati una serie di richieste e battaglie che da mesi e anni i dipendenti comunali portano avanti insieme ai sindacati:” Nella costruzione del Piano triennale del fabbisogno di personale 2022-2024 non vogliamo che siano ripetuti gli errori del passato, fatti di tante promesse seguite da tanta confusione. Pretendiamo che siano previste le progressioni verticali, per premiare le tante professionalità che lavorano oltre le proprie individuali possibilità, affrontando ancora il tema della carenza d’organico con le assunzioni, sempre più mirate secondo le necessità dei dipendenti.” furono le conclusioni di Rianna.