Scafati. I revisori: “si al rendiconto, ma urgente vendere le farmacie”

“Un rendiconto che rispecchia la gestione oculata e responsabile, garantita da questa amministrazione" le parole del sindaco Cristoforo Salvati

Scafati comune
Scafati comune

Scafati. I revisori: “si al rendiconto, ma urgente vendere le farmacie”

“Vendere le farmacie è l’unico mezzo per evitare il dissesto”. La chiamano “eccezione”, ma di fatto è l’unica prescrizione che il collegio dei revisori dei conti ha imposto a Palazzo Mayer, nel dare parere positivo al Rendiconto 2021. Una lunga relazione di 61 pagine in cui, sostanzialmente e a differenza dell’anno scorso, i revisori non rilevano particolari anomalie o mancanze, ma anzi certificano passi in avanti nel contenimento della spesa e nel rientro del disavanzo di amministrazione che nel 2017 comportò l’adozione del piano di riequilibrio. “Un giudizio positivo con eccezioni che, tuttavia, non sono tali da alterare in modo significativo le risultanze del rendiconto nell’intesa che tali eccezioni, e precisamente la pubblicazione del bando di vendita delle farmacie comunali, per il quale si provveda entro un termine breve, al fine di rispettare il piano di riequilibrio e come più volte denunciato da questo collegio, è l’unico mezzo per evitare il dissesto” scrivono Pietro Miraldi, Pietro Santillo e Francesco Terracciano. Non vi sono riferimenti alla mancata alienazione degli immobili comunali, al miglioramento nella riscossione dei tributi e nel contenimento del contenzioso, voci che fino all’anno scorso rappresentavano, con le farmacie, i cardini per l’azzeramento del debito. Si attesta a 26,5 milioni di euro il disavanzo, in decrescita ma comunque distante 550 mila euro dai 25,9 milioni attesi a inizio esercizio.

Banner Animato Conncetivia

La somma

Una somma che toccherà ripianare e sulla quale il Consiglio Comunale sarà chiamato a votare, in uno con il Rendiconto. Una somma che secondo i revisori scaturisce dall’applicazione di nuovi interventi normativi. “Un rendiconto che rispecchia la gestione oculata e responsabile, garantita da questa amministrazione – le parole del sindaco Cristoforo Salvati – voglio rassicurare gli scafatesi, invitandoli a non dare credito alle fandonie che circolano i questi giorni. Non c’è alcun rischio commissariamento né di dissesto finanziario. Il parere positivo dei revisori è la prova che questa amministrazione sta procedendo nella giusta direzione, sono queste le risposte che vogliamo dare alla città, le uniche che contano”.

Non meno polemica anche l’assessore al Bilancio Nunzia Di Lallo. “A chi denigra l’operato di questa amministrazione con inutili allarmismi e confondendo i cittadini, preferiamo rispondere con i fatti”. E’ certa che il 2022 “sarà l’anno della svolta” Ida Brancaccio, presidente commissione Bilancio. “I sacrifici stanno pian piano ripagando. Doveroso quindi ringraziare gli uffici e il personale comunale per lo spirito di abnegazione. Il peggio è passato, bisogna guardare avanti con fiducia”. Dal momento in cui gli atti saranno trasmessi ai consiglieri comunali, il rendiconto dovrà essere approvato nei successivi venti giorni.
Adriano Falanga