Angri. Gestione del cimitero, chiesto un impegno di 150 mila euro

Angri. L’UOC Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio ha chiesto Alla Ragioneria dell’ente d'impegnare 150mila euro per la manutenzione e al decoro del cimitero

Angri cimitero
Angri cimitero

Angri. Gestione del cimitero, chiesto un impegno di 150 mila euro

Dall’ente comunale viene fatta chiarezza sulla gestione cimiteriale. Troppe sarebbero le critiche, fatte in maniera approssimativa e superficiale sulla gestione dei servizi, che sono state affidate al soggetto privato, e sulla complessiva manutenzione del camposanto. Si è parlato tanto, ma spesso senza approfondire la natura del servizio che, da capitolato, non comprende eventuali spese di manutenzione ma prevede soltanto l’attività di custodia, di decoro e la manodopera per le estumulazioni, inumazioni ed esumazioni a “supporto delle imprese funebri”.

La richiesta di un cospicuo impegno spesa per la manutenzione

L’UOC Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio lo scorso 16 marzo, in occasione della redazione del bilancio, ha chiesto al settore Servizi Finanziari dell’ente (la ragioneria) d’impegnare nelle apposite voci di bilancio proprio per il cimitero ben 150mila euro da destinare alla manutenzione e al decoro del cimitero. Quindi sarà la ragioneria comunale a dovere determinare eventuali somme da destinare al miglioramento del camposanto di Via San Gennaro.

Chiarimento sulla gestione dei servizi

L’ente specifica che il privato gestisce soltanto i servizi di cui è responsabile come da capitolato ma anche per questi il settore Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio sta valutando altre possibili migliorie soprattutto sul fronte del decoro e la gestione delle aperture che hanno subìto qualche variazione negli ultimi mesi tanto da alimentare disagi e polemiche che si sono intrecciate proprio con la complessiva gestione dell’area cimiteriale. Il chiarimento dell’UOC dovrebbe porre fine alle polemiche, conseguenza della mancata comunicazione fatta dall’ente, tanto da alimentare un inutile malcontento generale.
Luciano Verdoliva