Angri. La Pro Loco organizza il “Concerto per la pace” con il gruppo Esperia Ensemble.

Una serata dedicata alla solidarietà per il popolo ucraino attraverso la musica che non conosce barriere e pregiudizi

pro loco concerto per la pace
pro loco concerto per la pace

Angri. La Pro Loco organizza il “Concerto per la pace” con il gruppo Esperia Ensemble.

Conncetivia voucher 2,5

Solidarietà al popolo ucraino

Dopo l’avvio della seconda edizione di Angri Città d’Arte che ha, nel primo appuntamento, commemorato Alfonso Maria Fusco, il Santo angrese attraverso racconti, opere, e poesie di studenti di diverse nazionalità, si è voluto dedicare nell’ambito della rassegna culturale organizzata dalla Pro Loco, che fino ad ottobre prevede un cartellone ricco di eventi, una serata al tema della pace e ribadire, attraverso la musica, la solidarietà al popolo ucraino e la vicinanza ai profughi.

La musica

Un’occasione unica per riflettere tutti insieme, soprattutto in questo particolare momento storico, sull’immenso valore della pace fra i popoli, grazie all’universale messaggio di fratellanza che proviene da immortali pagine di musica.

Esperia Ensemble gruppo tutto al femminile

Ad esibirsi l’Esperia Ensemble un gruppo di sole donne per le quali la musica non è solo tecnica, ma, soprattutto, sensibilità.  Provenienti tutte da una formazione classica maturata in Conservatorio,  hanno nel tempo intrapreso altri percorsi per ampliare le proprie conoscenze musicali, ricercando sonorità diverse, fruibili a tutti gli ascoltatori.

Valore sociale dell’appuntamento

Domenica 5 giugno alle ore 21:00, nell’atrio del Castello Doria, tutti i cittadini sono invitati a partecipare a una serata che, al di là dell’elevato profilo delle musiciste che saliranno sul palco, rappresenta un momento di altissimo valore sociale.

La Pro Loco e il messaggio di speranza

Il concerto esprime anche un atto simbolico – spiegano gli organizzatori – contro ogni forma di guerra e di violenza e si propone di portare un messaggio di speranza per i popoli, in un momento davvero difficile per l’Europa e il mondo intero”.