Scafati. Lotta agli incivili del sacchetto selvaggio

E’ giro di vite contro i cafoni del sacchetto selvaggio. La città presenta sempre più spesso micro discariche urbane, e l’Acse è in forte affanno con la regolare raccolta dei rifiuti.

E’ giro di vite contro i cafoni del sacchetto selvaggio. La città presenta sempre più spesso micro discariche urbane, e l’Acse è in forte affanno con la regolare raccolta dei rifiuti. Da un lato le croniche difficoltà logistiche dovute alla carenza di personale, in questo periodo aggravate dalle ferie e dai pensionamenti, e dall’altro i conferimenti fuori legge degli incivili. “Si sversa ad ogni ora del giorno, spesso lontano dal proprio numero civico e senza rispettare il calendario” spiega Gennaro Avagnano, assessore alle Partecipate. Nonostante siano vietati da anni oramai, c’è chi ancora utilizza i sacchi neri per il conferimento dei rifiuti, in periferia come al centro, mentre non sono rare le discariche dovute all’abbandono di rifiuti residui di attività professionali, come scarti edili, tessili e ricambi auto. Con il caldo oramai inoltrato il problema è anche igienico sanitario.

Da qui la task force chieste ed ottenuta da Avagnano, che ha visto ad un tavolo comune l’assessore all’ambiente Daniela Ugliano, l’assessore alla Polizia Municipale Alfonso Di Massa e il comandante Salvatore Dionisio, l’amministratore Acse Giovanni Marra, il responsabile Ambiente Nicola Fienga il consigliere delegato al decoro urbano Paolo Attianese. “Riunione molto proficua fermo restando l’impegno già della Polizia Locale in merito e Ufficio Ambiente abbiamo convenuto che ci saranno degli interventi mirati in orari e zone da concordare con l’Acse, che meglio di tutti conosce le criticità del territorio o dove è costretta ad un riassetto quotidiano per una raccolta straordinaria – spiega l’assessore – la lotta sacchetto selvaggio e lo sversamento abusivo è una priorità da perseguire 365 giorni all’anno in attesa di un progetto strutturale e ambientale che renda questi controlli metodici e periodici. I tecnici si confronteranno e ci aggiorneranno cosa si è deciso da una settimana a seguito delle indicazioni che gli assessori di competenza hanno dato ognuno al proprio ufficio”.

Sia dall’Acse che dal comando dei caschi bianchi, l’invito è di segnalare gli sversamenti abusivi. Un appello che ha permesso agli uomini di Dionisio di rintracciare e denunciare, nei giorni scorsi, i responsabili dell’abbandono illecito di rifiuti in via Alcide De Gasperi e via D’Amaro. “Nel mentre che va in scena l’ennesima guerra interna alla maggioranza, tra ricatti e dispetti, la città torna ad essere costellata da microdiscariche nella speranza che il Sindaco predisponga una adeguata disinfestazione, possibilmente prima di settembre – così dalla minoranza Michele Grimaldi – Qui andiamo oltre l’incapacità amministrativa, come nel caso delle infinite proroghe sul servizio di sosta a pagamento, o i continui incarichi esterni assegnati di continuo dall’Acse con modalità quantomeno discutibili, siamo dinanzi ad un vero e proprio abbandono della città da parte di chi dovrebbe guidarla, e assicurare quantomeno il diritto alla salute e alla vivibilità”.
Adriano Falanga

There is nothing to show here!
Slider with alias evoluzione not found.