Scafati. Resta venti giorni in obitorio perchè i figli non hanno i soldi per i funerali

Un'anziana signora scafatese, D.G.G. di 75 anni, ha avuto la possibilità di una degna sepoltura soltanto grazie all'intervento dei servizi sociali

Nocera Inferiore. Sanità: ancora carenza di medici all'ospedale
Nocera Inferiore Ospedale Umberto I

Resta venti giorni in obitorio dopo il suo decesso, perchè la famiglia non ha i soldi per pagarle i funerali. Triste storia quella che arriva dall’obitorio dell’ospedale Umberto I° di Nocera Inferiore. Un’anziana signora scafatese, D.G.G. di 75 anni, deceduta per cause naturali nel nosocomio dove era ricoverata, ha avuto la possibilità di una degna sepoltura soltanto grazie all’intervento dei servizi sociali coordinati dal Piano di Zona S1, oggi “Comunità Sensibile”. Nel momento del suo decesso i suoi quattro figli avevano infatti fatto sapere di non avere i soldi necessari per trasportare il corpo della madre presso il cimitero di Scafati. Si è aperta una lunga tiritera tra di loro, e soltanto grazie alla segnalazione arrivata al PDZ, i servizi sociali hanno attivato le procedure per permettere all’anziana di essere sepolta a Scafati. Nel contempo, la famiglia dovrà presentare certificazione Isee per attestare il proprio stato di sofferenza economica, così da non dover rimborsare le spese ai servizi sociali. Sembra però che sullo sfondo possano esserci dissapori familiari che hanno comportato una simile incresciosa situazione.

Conncetivia voucher 2,5