Ospedale Sarno, Canfora: “Non farò come Schettino”

"Superate le problematiche estive, il "Martiri di Villa Malta" non chiuderà e, se dovesse servire, sono pronto ad ogni soluzione"

Giuseppe Canfora
Giuseppe Canfora

“Non farò come Schettino, non abbandonerò la nave in un momento così difficile per il nostro ospedale. Sono e sarò accanto ai miei concittadini ed alle comunità dell’Agro sarnese-nocerino e dei paesi vesuviani, per difendere il diritto alla salute di tutti”. Così in una nota il sindaco di Sarno Giuseppe Canfora.

Conncetivia voucher 2,5

“Sono stato eletto dai cittadini per rappresentarli e le mie dimissioni, richieste dal Comitato “Insieme per la salute” con conseguente arrivo di un Commissario Prefettizio, non sono sicuramente la soluzione a tutti i problemi che affliggono il nostro presidio ospedaliero – prosegue -.
Non comprendo né i loro dubbi nè la richiesta di abbandonare la mia città.
In qualità di Sindaco mi sono fatto portavoce di tutte le loro istanze e continuerò a farlo in tutte le sedi istituzionali. Ho trasmesso gli atti alla Regione, al Ministero della Salute, all’Asl, ho chiamato a raccolta i Sindaci, ho chiesto la convocazione della V Commissione Regionale della Sanità, ho chiesto l’aiuto del Prefetto di Salerno”.

“Ricordo che sia la Giunta che il Consiglio Comunale – aggiunge il sindaco – hanno approvato una serie di proposte a salvaguardia del nostro nosocomio, anche quelle del Comitato, che abbiamo sottoposto all’attenzione dei vari livelli istituzionali e non ci fermeremo finché il nostro ospedale non sarà potenziato a tutela della salute pubblica. Ho notizie di arrivi di nuovi medici; superate le problematiche estive, il “Martiri di Villa Malta” di Sarno non chiuderà e, se dovesse servire, sono pronto ad ogni soluzione, ma non chiedetemi di abbandonare il campo, Sarno ed i sarnesi, questo mai”.