Sarno. Mancato pagamento Tari 2014, si finisce in cassazione

Nonostante i ricorsi respinti nelle commissioni tributarie provinciale e regionale, non si ferma l'azione giudiziaria di un'azienda sul territorio che cita il comune di Sarno in cassazione

aggressione comune di sarno

Sarno, arriva ad un’azienda ingiunzione per il mancato pagamento della Tari 2014, si arriva in cassazione. E’ estremamente tigna la difesa giudiziaria dell’azienda Confezioni Elle & A, arrivata fino alla corte suprema di cassazione per evitare di saldare la vecchia rata sui rifiuti maggiorata risalente ormai a otto anni fa.

Conncetivia voucher 2,5

La stoica difesa del privato

Un importo di diverse migliaia di euro che secondo la società è frutto di errori materiali nel calcolo della materia rifiuti, con un iter giudiziario iniziato due anni fa in Commissione Tributaria Provinciale. L’ente ha però rigettato il ricorso, condannando alle spese in favore del comune sarnese, trovatasi nuovamente tirata in giudizio in un secondo momento all’interno della Commissione Tributaria Regionale. Nonostante il privato avesse dedotto l’illegittimità della sentenza di primo grado, anche l’ente regionale ha respinto l’appello condannando l’appellante ad ulteriori spese di giudizio. A questo punto si arriva al 15 settembre dell’anno corrente, momento nel quale il responsabile del settore dott. Gianni Rega ha comunicato il ricorso della sentenza regione da parte dei privati direttamente alla Suprema Corte di Cassazione.

Le contromisure dell’amministrazione Canfora

Una situazione che ha dovuto attivare da subito la macchina comunale non tanto per la gravità della situazione, ma per nominare quanto prima un legale ferrato in materia, e attualmente mancante al Municipio sarnese. “Il nostro comune gode di due efficientissimi avvocati, entrambi giovani e pieni di voglia di fare. Ma sul tema specifico da un lato l’avv. De Filippo, perfetto nelle trattazioni dei casi nei primi due gradi, non è cassazionista e dall’altro l’avv. Chiosi Ketura è in maternità, e quindi siamo sprovvisti di figure interne” spiega l’assessore all’avvocatura Eutilia Viscardi, che sottolinea comunque come:” Faremo affidamento sicuramente su un legale esterno di alto livello e che sappia lavorare sulla falsa riga delle vittorie ottenute sia nella commissione tributaria provinciale che in quella regionale. Non c’è spazio per mancati pagamenti né per azioni da furbetti, siamo sicuri della nostra posizione a prescindere da quanto volte possiamo essere tirati in giudizio su un caso”.