Pompei. Concluso il Contratto Integrativo del personale anno 2002

Uffici comunali più produttivi e procedure più snelle

Pompei Comune
Pompei Comune

Produttività

Secondo un comunicato comunale di ieri i sindacati e i dipendenti si dichiarano sodisfatti. Sono previsti  benefici  per l’utenza perché gli uffici comunali saranno da ora in poi più produttivi e le procedure saranno snellite.

Risultato positivo

“Senza creare polemiche le parti   hanno trovato l’accordo”. Riferisce il summenzionato comunicato  “Non era mai accaduto con le amministrazioni precedenti” avrebbero commentato i sindacati dei lavoratori.
“Stop a disservizi e malcontenti derivanti da eventuali scioperi del personale. Pompei è il primo comune della provincia di Napoli a chiudere con un risultato positivo, e con tre mesi di anticipo, il Contratto Integrativo Decentrato per l’anno 2022”. Annuncia il Comune mariano. “Siamo orgogliosi di aver segnato un’altra tappa importante in tema di rapporti contrattuali” E’ la dichiarazione del Sindaco di Pompei.

Valorizzazione delle risorse umane

Il Contratto Collettivo Decentrato Integrativo ha tra le sue finalità la valorizzazione delle risorse umane attraverso il miglioramento delle competenze professionali e il contributo individuale all’organizzazione. In esso formazione e aggiornamento professionale vengono considerate leve strategiche fondamentali allo sviluppo del personale e la realizzazione del cambiamento per garantire elevati livelli quali-quantitativi di servizio ai cittadini. Le sezioni nelle quali è ripartito il contratto ne prevede una prima dedicata alle politiche dell’orario di lavoro e una seconda al trattamento economico del personale.

Il sindaco di Pompei

Il sindaco di Pompei ha sottolineato il clima positivo delle relazioni sindacali. “Vorrei sottolineare che la struttura operativa è fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi dell’amministrazione comunale.  – Ha fatto presente il sindaco di Pompei. – Si possono partorire grandi progetti, ma se la parte operativa non funziona noi amministratori non abbiamo  strumenti alternativi.”