Pagani. Sam, Lello De Prisco “D’Apolito scelta autorevole”

Iniziato ufficialmente il lavoro del commissario pro tempore della Sam, il sindaco però avverte: "I lavoratori inetti fuori"

Pagani.
Pagani. Amministarzione De Prisco

Sam, Lello De Prisco “D’Apolito scelta autorevole”

Inizia ufficialmente il futuro della società partecipata del comune di Pagani dopo il cambio dell’asset manageriale voluto al termine della scorsa settimana. Sono giorni estremamente impegnativi per il commissario pro tempore della Sam com. Lucio D’Apolito, costretto a dividersi tra il Comando della Polizia Locale di via Pittoni e il vertice della società multiservizi pubblica paganese.

La crisi della società partecipata

Un commissariamento che nasce alla luce della situazione vissuta dalla Sam negli ultimi mesi, con i servizi di raccolta e spazzamento rifiuti sempre più in difficoltà davanti agli occhi di una cittadinanza che ha palesato tutto il suo dissenso. Il primo cittadino al tempo stesso durante le settimane, e soprattutto a partire dall’estate, aveva palesato diversi dubbi sul regolare lavoro dei cantieri. Secondo De Prisco, la responsabilità dei servizi scadenti non è dovuto esclusivamente alla dirigenza formata fino allo scorso venerdì dall’amministratore unico Mario Carpentieri e dal direttore generale Aniello Giordano, ma anche e soprattutto dagli stessi lavoratori.

Le parole del sindaco De Prisco

“Quando una squadra non va bene, bisogna mandare un segnale. Per questo abbiamo rimosso il vecchio asset manageriale, perché a volte l’allenatore deve cambiare anche se non è direttamente responsabile dei cattivi risultati” ribadisce il sindaco di Pagani “scagionando” in parte Carpentieri e Giordano “Li ringrazio per il lavoro che hanno profuso, ma abbiamo impellenti richieste della cittadinanza da soddisfare. Ora cambiamo “allenatori”, ma in questo periodo saremo pronti anche a cambiare i lavoratori se fosse necessario”. L’avvertimento di De Prisco è quanto mai reale e legata alla figura del comandante D’Apolito, un profilo capace di riscuotere diversi consensi sul territorio dal suo arrivo e garanzia di controllo della partecipata. “D’Apolito per noi rappresenta una risorsa fondamentale, siamo a conoscenza del carico di lavoro da gestire ma già da lunedì sta dimostrando di saper gestire la situazione, e noi non avevamo dubbi” spiega De Prisco sottolineando il grande sforzo che vive la guida del Comando Locale paganese :” Dovrà vegliare sulle attività di cantiere, con l’obiettivo di rendere più efficiente i servizi espressi sul territorio e soprattutto di normalizzare un ambiente che ha bisogno di lavorare decisamente tanto per il bene della città, anche attraverso l’isola ecologica”. Dal canto suo, mantenendo la sua imperturbabilità istituzionale, il comandante D’Apolito non ha voluto rilasciare dichiarazioni al momento preferendo la via del silenzio e del lavoro duro. “Il periodo durerà all’incirca 45 giorni, il periodo minimo, nel quale ricercheremo le nuove figure ideali della futura società partecipata. Sarà ovviamente una nomina politica, ma partiremo dalle competenze tecniche di chi vorrà presentarsi al relativo bando in procinto di pubblicazione” conclude De Prisco.