Paestum. Al via la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

Nell'ex Tabacchificio Cafasso, rilevante sito di archeologia industriale nella Piana del Sele, ha preso il via oggi la XXIV edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

Tabacchificio Cafasso Paestum
Tabacchificio Cafasso Paestum

A Paestum, nell’ex Tabacchificio Cafasso, rilevante sito di archeologia industriale nella Piana del Sele, ha preso il via oggi la XXIV edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico (Bmta), che resterà aperta fino a domenica.

“Apriamo le porte – ha detto il fondatore e direttore della Bmta Ugo Picarelli – a nuove opportunità legate al turismo culturale, che di fatto è il primo prodotto turistico nel nostro Paese, molto ambito dagli stranieri.

Il nostro è un grande contenitore e un incubatore di opportunità: la Borsa ogni anno mette in campo visioni e proposte che trasferisce ai soggetti deputati a metterle in campo”.
In collegamento da Madrid Alessandra Priante, direttore Regione Europa UNWTO, ha fornito diversi dati sui movimenti dei turisti internazionali a riprova che nel post pandemia l’Europa è l’unica regione del mondo in crescita sul fronte degli arrivi, in particolare l’Albania e tutti i Balcani. “E il trend sembra essere confermato dalle prospettive per il 2023”, ha aggiunto, rimarcando però una criticità: “Attualmente l’Europa sta sperimentando una diffusa carenza di forza lavoro nel turismo e ciò incide sulla capacità del settore di recuperare dopo lo stress e la prova della pandemia. È necessario un dialogo costante con i giovani e, soprattutto consentire un maggiore accesso alle opportunità di apprendimento e di sviluppo per ottenere prospettive di lavoro stabili”.

“È un onore speciale essere qui oggi, alla mia prima edizione da direttore del Parco Archeologico di Paestum e Velia – ha detto Tiziana D’Angelo -: la Bmta è un’occasione per continuare a lavorare e costruire assieme agli altri Enti promotori un ‘modello Paestum’ che si fonda sulla consapevolezza che un patrimonio culturale non può essere sconnesso dal tessuto socio-economico in cui è inserito”.
“La Regione Campania crede da tempo nella Bmta e ancor di più ci crede in questo tempo in cui siamo chiamati a ribadire e a difendere i valori della storia, del sapere e della cultura come strumenti di pace”, ha aggiunto l’assessore al Turismo della Regione Campania Felice Casucci.

L’ingresso alla Bmta è gratuito, con la registrazione online consigliata per evitare file.

 

Rosa Doberdò

Fonte Ansa